DevOps: cosa significa e perché è importante?

Devops: la chiave per il successo dei progetti applicativi

Devops: la chiave per il successo dei progetti applicativi

DevOps: di cosa si tratta?

DevOps è un termine sempre più in voga, specie nei settori IT delle aziende.

Autentica rivoluzione del modo di lavorare, si tratta di un metodo che punta sull’automazione dei processi e sulla collaborazione tra i diversi team, per ottenere una maggior reattività dinanzi all’evolversi del mercato.

Desiderate sfruttare appieno i benefici del metodo? Scoprite con noi la metodologia DevOps e le modalità per metterlo in pratica.

Selezione software

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda

Wrike

Wrike
Un affidabile software di project management
Inizia gratis
Vai alla scheda

Webmecanik

Webmecanik
Soluzioni di marketing in Cloud per un marketing relazionale
Visit Website
Vai alla scheda

Che cos’è il metodo DevOps?

DevOps: definizione

DevOps, è un termine che ha origine dall’unione di development e operations.

Si tratta di un insieme di metodi di lavoro, best practice, valori e strumenti che aiutano a snellire i processi e ad accelerare la risoluzione degli incidenti e la fornitura di nuove funzionalità.

Nelle aziende non aderenti alla filosofia DevOps, i team di sviluppo (Dev) e il personale IT operativo (Ops) lavorano separatamente e con obiettivi diversi. Questa divisione può determinare conflitti, rallentamenti nelle consegne o instabilità tecniche.

💡 L’approccio DevOps fa convergere i 2 team verso un obiettivo comune: la creazione di valore per il cliente, grazie ad un ciclo di rilasci frequente di nuove funzionalità capaci di rispondere alle aspettative del mercato, senza intaccare la qualità del codice e la stabilità del sistema.

Questa cultura organizzativa riposa su 3 grandi pilastri:

  • l’allineamento dei team Dev e Ops,
  • l’automazione delle task e dei processi,
  • e la distribuzione continua.

La cultura DevOps

DevOps trae origine da vari metodi esistenti:

  • la metodologia agile, solitamente Scrum, molto usata dagli sviluppatori,
  • le best practice in ambito ITIL (Information Technology Infrastructure Library), che permettono agli sviluppatori di garantire un servizio di qualità,
  • il lean management, che mira a ottimizzare la qualità fornita sviluppando al contempo un ambiente di lavoro che favorisca la collaborazione e la soddisfazione dei dipendenti.

I team DevOps si distinguono per un approccio etico e collaborativo, imperniato su valori quali la trasparenza e la gestione del cambiamento.

Funzionamento del metodo

Il modello DevOps si basa su un flusso di integrazione continua e di distribuzione chiamato CI/CD (continuous integration / continuous delivery).

L’automazione e la sorveglianza continue permettono di:

  • limitare gli interventi manuali,
  • fluidificare le varie tappe,
  • individuare rapidamente i problemi da correggere.

5 vantaggi del metodo DevOps

Per essere più performanti

💪 L’allineamento dei team su un comune obiettivo, unitamente alla condivisione dei processi di lavoro, degli strumenti e delle responsabilità, determina una collaborazione più fluida.

Ciò si traduce anche in meno conflitti e in una maggiore soddisfazione dei dipendenti.

Per migliorare la qualità fornita

👌 Tenendo conto dei vincoli di ogni singolo individuo, si riducono gli errori e si produce un codice di qualità superiore.

I frequenti rilasci del software consentono di prendere maggiormente in considerazione i feedback dei clienti, così da soddisfare al meglio le loro aspettative.

Per rilasci sempre più frequenti

🚀 Lanciare sul mercato delle versioni di dimensioni inferiori, permette rilasci molto più frequenti. Inoltre, i rilasci continui consentono un miglioramento continuo e rendono le versioni sempre più fluide e affidabili.

Per una sicurezza crescente

🚧 L’automazione dei processi limita le azioni manuali, riducendo il rischio di errori e aumentando l'affidabilità dell'esecuzione.

Per migliorare la soddisfazione clienti

😍 I rilasci frequenti permettono:

  • un’aggiunta costante di nuove funzionalità,
  • una miglior risoluzione problemi,
  • un’analisi dei feedback utenti più immediato.

Questi fattori permettono di meglio soddisfare le aspettative dei clienti. Inoltre, la grande reattività permette una miglior prontezza dinanzi ai cambiamenti del mercato, e quindi una miglior competitività.

Come adottare il modello DevOps

Step n°1: la pianificazione

Per prima cosa è opportuno definire un certo numero di elementi imprescindibili:

  • stabilire le funzionalità in base alle direttive aziendali,
  • definire gli indicatori da monitorare,
  • pianificare le fasi del processo di sviluppo, ecc.

Step n°2: lo sviluppo

In questa fase si realizza lo sviluppo del software o dell'applicazione e la scrittura del codice, tenendo conto delle esigenze e dei vincoli di ciascun team. Per effetto dell'automazione, il codice viene compilato e integrato automaticamente.

Step n°3: i test

Questa fase di verifica è direttamente collegata al controllo qualità di quanto appena sviluppato. Non appena il codice è pronto, si susseguono le fasi di test automatici per individuare al più presto eventuali anomalie:

  • test di regressione,
  • test di accettazione,
  • test di sicurezza,
  • test delle prestazioni, ecc.

Step n° 4: l’implementazione

Ogni nuova modifica la cui qualità viene convalidata dai test, viene messa in produzione. Il tutto avviene sempre in maniera automatizzata.

👉 Possono avvenire più implementazioni in un solo giorno.

Step n° 5: il funzionamento e il monitoraggio

In questa fase si monitorano le prestazioni e la stabilità del sistema, attraverso le metriche selezionate in fase di pianificazione.

Anche la verifica della conformità e la gestione dell'infrastruttura possono essere automatizzate, grazie all’Infrastructure as Code (IaC). Eventuali problemi riscontrati vengono segnalati al team di sviluppo il prima possibile.

6 best practice DevOps

Sviluppate una cultura agile

🤓 Poiché la cultura DevOps si basa su un approccio agile, è più facile implementare questa pratica nelle aziende che già lavorano con Scrum o con altri metodi agili.

Se questo non è già il caso, potrebbe essere necessario affrontare prima questo passaggio come transizione verso la cultura DevOps.

Non sottovalutate la gestione del cambiamento

👫 La transizione verso la filosofia DevOps rappresenta un autentico sconvolgimento per un’azienda. Se da un lato rappresenta una grande opportunità per migliorare la collaborazione e le prestazioni, dall'altro può anche rivelarsi un’esperienza negativa.

È necessario tenere conto della situazione esistente e adeguarsi, al fine di effettuare una transizione agevole e accompagnata. Così facendo, massimizzate le vostre possibilità di successo!

Sviluppate le competenze

🎓 I vostri collaboratori possiedono le competenze necessarie per lavorare in modalità DevOps? Padroneggiano i nuovi processi e i nuovi strumenti?

Non trascurate la formazione, poiché è determinante per garantire il successo del metodo DevOps.

Incentivate la collaborazione

🤝 La collaborazione interfunzionale è al centro del metodo DevOps. Perciò va considerata come una vera e propria missione a sé stante.

Perciò è opportuno organizzare dei workshop collaborativi tra i diversi team, e assegnare loro un numero di ore adeguato. Così, il confronto può svolgersi nelle migliori condizioni.

Misurate le prestazioni

📊 Per valutare i benefici apportati dal metodo DevOps, è essenziale impostare alcuni KPI. La definizione di indicatori comuni per le squadre operative e gli sviluppatori aiuta a rafforzare la cooperazione e il sentimento di appartenenza ad un'unica squadra.

È possibile misurare ad esempio :

  • la soddisfazione del cliente,
  • il numero di cicli di produzione,
  • il tempo per lo sviluppo,
  • il tasso di sviluppi non ultimati,
  • il rispetto di scadenze e budget, ecc.

Assumete un ingegnere DevOps

La decisione di mettere in pratica un processo DevOps in azienda spetta, solitamente, al CTO. Tuttavia, la sua implementazione operativa richiede di aver già sperimentato queste pratiche, e l’assunzione di un ingegnere esperto DevOps può rivelarsi determinante.

I migliori profili Tech, e in particolare gli sviluppatori DevOps, sono difficili da scovare. Affidarvi ai servizi di una piattaforma specializzata può farvi risparmiare tempo prezioso, aiutandovi ad individuare il profilo ricercato.

I migliori software per una gestione DevOps

🛠 Utilizzare gli strumenti giusti è fondamentale in un sistema DevOps. I software, infatti, permettono di automatizzare i processi e di ottimizzare la collaborazione tra i team.

Ecco alcune tipologie di software indispensabili per gestire al meglio le varie tappe DevOps:

  • Pianificazione e project management,
  • Controllo versione,
  • Automazione del testing,
  • Gestione dei rilasci continui,
  • Archiviazione su cloud,
  • Controllo architettura.

Non perdete tempo e abbracciate la rivoluzione DevOps! Così facendo, riducete il time to market e soddisfate al meglio i vostri utenti finali.

Selezione software

N2F

N2F
Dematerializzazione e conservazione a norma delle note spese
Prova Gratuita
Vai alla scheda

monday.com

monday.com
La piattaforma più intuitiva per gestire progetti e squadre
Visita il sito
Vai alla scheda

OnCrawl

OnCrawl
Crawler tecnico SEO per aprire la scatola nera di Google
Inizia gratis
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento