Come funziona la metodologia SCRUM?

come funziona la metodologia scrum

Scrum, scrum, scrum, ... Vi state perdendo nei vostri pennelli con tutta questa terminologia anglosassone di gestione dei progetti?

Ma soprattutta ci credete che scrum vuol dire mischia? ovviamente niente a vedere col rugby 🤔

Anzi no, un po'! Questo metodo si basa sul lavoro di una squadra versatile e tattica per avanzare a piccoli passi e insieme.

Perché questa metodologia piuttosto che un'altra?

Se sviluppate un prodotto, ad esempio un'applicazione, le esigenze dei vostri clienti o del vostro datore di lavoro non sono fisse. Le vostre proposte porteranno anche a nuove idee, su cui dovrete basarvi.

Questa grande flessibilità che vi viene richiesta è ciò che noi chiamiamo agilità.

Niente più specifiche dettagliate da ogni punto di vista! Basta con una pianificazione rigida e restrittiva!

Avete bisogno di un'organizzazione più scalabile per la gestione dei vostri progetti web, ma sufficientemente focalizzata per tenere d'occhio le scadenze, il budget e l'utente finale?

Vi presentiamo il metodo Scrum, i suoi vantaggi e come viene attuato nella pratica.

Selezione software

monday.com

monday.com
La piattaforma più intuitiva per gestire progetti e squadre
Visita il sito
Vai alla scheda

Wrike

Wrike
Un affidabile software di project management
Inizia gratis
Vai alla scheda

Kizeo Forms

Kizeo Forms
Utilizza un'unica soluzione e approfitta di molti vantaggi!
Free Trial
Vai alla scheda

Cos'è il Metodo Agile scrum?

I metodi Agile sono molteplici e si basano tutti sul Manifesto Agile scritto nel 2001 da esperti nello sviluppo di applicazioni.

Credevano che i metodi tradizionali (ciclo a V, a cascata) non consentissero la migliore reattività nella gestione dei progetti web, come lo sviluppo di software.

Che si tratti di un progetto, di un prodotto o di una caratteristica, la gestione del progetto deve essere collaborativa e il ciclo di sviluppo:

iterativa (ripetuta più volte, dall'idea iniziale ad una versione sempre più riuscita),

incrementale (progressivo, attività per attività),

adattivo.

scrum iterativo e incrementale

La prima riga rappresenta il principio di iterazione, quella al di sotto del principio incrementale. estratto da un video di © Joseph Flahiff

Lo Scrum, sviluppato da ken schwaber e jeff sutherland, è uno dei metodi agili più apprezzati nello sviluppo web.

Questo framework, si basa su:

→ un progetto complesso non può essere né anticipato né completamente pianificato;

→ la sua gestione richiede un minimo di flessibilità per poter integrare facilmente i cambiamenti nella pianificazione iniziale.

Vantaggi del metodo scrum

La sua forza è quella di poter contare su cicli di sviluppo brevi, costantemente adattati, senza mai perdere di vista l'esperienza dell'utente.

Tra i suoi vantaggi:

  • una gestione del lavoro più flessibile e intelligente, migliorando l'efficienza del team,
  • una migliore visibilità del progetto e della sua evoluzione,
  • una maggiore comunicazione interna e quindi una migliore coesione del team,
  • la condivisione delle conoscenze e la promozione dell'aiuto reciproco,
  • risparmio di tempo e migliore reattività grazie ai frequenti incontri e alle intuizioni del cliente.

La metodologia Scrum

metodologia scrum

©Manual del game designer

Lo scrum si basa su:

  • dei ruoli:
    • scrum team: team di sviluppo cross funzionali (sviluppatori, designer, tester);
    • product owner, che ha la visione del prodotto e si assicura che le aspettative del cliente siano correttamente tradotte al team di progetto, definendo le specifiche funzionali (o specifiche) e le priorità;
    • lo scrum master, che si assicura che il processo di scrum sia rispettato e che la squadra comunichi bene (dettagliamo di seguito il suo ruolo);
  • la divisione di un progetto in brevi unità di tempo, chiamate sprint, questo per evitare l'effetto tunnel, a causa di una pianificazione così estesa nel tempo che non ne vediamo la fine;
  • riunioni regolari per fare il punto della situazione (daily scrum).

Fase 1: User stories

Grazie alle sue conoscenze, all'input del cliente, il product owner definisce tutte le richieste funzionali o le caratteristiche in base alle aspettative di uno o più tipi di utenti, per aggiungere valore al prodotto.

Queste aspettative vengono tradotte in poche parole, in modo che tutto il team del progetto comprenda gli obiettivi:

"Come [tipo di utente], vorrei [questa funzionalità] poter [beneficiare di questo vantaggio]".

Quindi ad ogni user story corrisponde a una caratteristica, un servizio. Include :

  • un identificatore,
  • un nome,
  • un ordine di priorità,
  • una stima del lavoro richiesto,
  • una dimostrazione, un test,
  • delle note integrative

Fase 2: il Backlog

Da ogni user story provengono i requisiti tecnici, che devono essere prioritizzati e compilati nel backlog del prodotto, una sorta di To do list del prodotto da sviluppare.

Si evolverà in funzione dell'emergere di nuove esigenze e del completamento di alcuni compiti.

Il Backlog può essere rappresentato visivamente sotto forma di una mappatura chiamata user story map:

Fase 3: dividere il progetto in sprint (o iterazioni)

sprint

Per funzionare correttamente, ogni sprint ha un obiettivo (sprint goal) ed è scandito dalle seguenti riunioni:

1) Riunione di pianificazione o sprint planning. Gli elementi prioritari del backlog di prodotto vengono selezionati per lo sprint imminente e spostati nello sprint backlog.

Ogni sprint dura da 2 a 4 settimane e comprende una fase di sviluppo, una fase di controllo empirico qualità (test) e la consegna del risultato.

2) Scrum meetings, o daily scrum: ogni giorno si tengono brevi incontri per fare il punto sull'andamento del giorno precedente e sui colli di bottiglia, sulla qualità delle consegne, sul rispetto delle scadenze e sul lavoro della giornata.

Il trucco è far sì che la riunione non duri più di 15 minuti. Lo scrum master gestisce un grafico che illustra lo stato di avanzamento del progetto (compiti rimanenti, sforzi compiuti).

Prende inoltre nota di eventuali problemi riscontrati e, al termine della riunione, invia ulteriori compiti per risolverli.

daily scrum

© visual paradigm

Altri strumenti utilizzati sono il kanban board. I compiti da svolgere vanno dalla colonna "product backlog" a "to do",”sprint backlog”, poi "in corso" e poi "fatto".

kanban board

©Wikipedia

3)Sprint review: si svolge al termine dello sprint per presentare al cliente il lavoro svolto e avere un suo ritorno. I punti di miglioramento vengono poi aggiunti all'arretrato di prodotto, con le caratteristiche convalidate compilate nell'arretrato di incremento.

4) Infine, lo sprint retrospective per rivedere l'organizzazione dell'ultimo sprint e favorire il miglioramento continuo.

Si discutono anche gli obiettivi dello sprint successivo.

Qual è il ruolo di un scrum master ?

Ne abbiamo parlato brevemente, lo scrum master è il coordinatore della squadra di cui è parte integrante.

Non è coinvolto nell'esecuzione o nella gestione del team in quanto tale, perché i team sono auto organizzati.

Si tratta piuttosto di un esperto di business o spesso un project manager che fornisce guida e supporto:

  • facendo da garante del rispetto delle buone pratiche di scrum
  • intercettando i blocchi per poterli annullare meglio
  • sollevando gli sviluppatori da compiti secondari per raggiungere l'obiettivo

Strumenti al servizio del metodo Scrum

A causa della crescente adozione dell'approccio agile, molte applicazioni software per la gestione dei progetti sono utilizzate da team interfunzionali, in particolare dal team di sviluppo, tra cui Basecamp, Jira, Trello.

Queste soluzioni integrano funzionalità indispensabili, come il grafico Kanban, tra gli altri.

Troverete altri software di project management sul nostro catalogo che offrono la gestione del metodo di scrum e dei ruoli.

Sprint, scum: non c'è bisogno di correre...

...bisogna iniziare al momento giusto! Dividendo il progetto web in modo intelligente e condividendo frequentemente i progressi e i colli di bottiglia, i team hanno una maggiore flessibilità nell'esecuzione e nel monitoraggio dei loro compiti.

In ballo ci sono l'efficienza e la produttività, oltre alla competitività. Nel mondo digitale, dove tutto deve andare più veloce ma di qualità, si raccomanda il metodo scrum.

Naturalmente, la sua particolare organizzazione richiede un minimo di tempo di adattamento e pochi strumenti, anche se solo note colorate di post-it, ma il risultato ne vale la pena.

Selezione software

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda

Optima-CRM

Optima-CRM
Innovativo software immobiliare CRM e vincitore globale 2018
Ottieni una demo gratuita
Vai alla scheda

Finom

Finom
La soluzione di fatturazione elettronica
Provalo per €0
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento