Certificazioni di project management: facciamo il punto

di Maxime Perotti, il 14/12/20
Certificazioni di project management: facciamo il punto

Negli ultimi anni si sente spesso parlare di certificazioni di project management. Con lo sviluppo dei corsi e delle formazioni online infatti, sono sempre più gli enti e gli istituti che propongono dei corsi per migliorare le competenze nell’ambito della gestione progetto.

A chi si rivolgono queste formazioni? Quali sono i costi? In quali casi si rivelano utili?

Dopo aver visto brevemente le caratteristiche della gestione progetti all’interno delle imprese, cerchiamo di rispondere a tutte queste domande.

L’importanza della gestione progetti in azienda

Project management: definizione

Il project management concerne l’organizzazione e la gestione delle risorse necessarie per la realizzazione dei progetti aziendali

In ogni organizzazione, di qualsiasi dimensione, la gestione progetti è una delle attività più importanti in azienda, poiché permette di raggiungere gli obiettivi strategici prefissati per mezzo di una buona gestione di risorse e costi.

Il project manager

Partendo dagli obiettivi da raggiungere, un buon project manager è in grado di definire una roadmap chiara e precisa, indicando nei dettagli tempistiche e risorse necessarie. Ecco alcune tra le principali competenze ed abilità richieste per essere un buon project manager:

  • definire metriche misurabili,
  • elaborare un piano di gestione,
  • svolgere stime costi-benefici,
  • allocare le risorse a disposizione,
  • monitorare i progressi nel tempo,
  • gestire rischi e problematiche, ecc.

Le capacità richieste sono molte. Ecco perché, se si vuole fare carriera in questo ambito, ottenere una certificazione che attesti il possesso delle competenze di gestione progetti, può essere molto importante.

Le certificazioni di project management: di cosa si tratta?

La maggior parte dei project manager possiede un diploma di laurea in management e gestione aziendale. Tuttavia, a seconda del tipo di project manager che si vuole diventare, è anche possibile specializzarsi in un’area specifica (marketing, informatica, ingegneria, ecc.). 

Per accrescere ed affinare le competenze in materia, è inoltre possibile partecipare ad una formazione specifica. Oltre ad accrescere le conoscenze individuali, l’ottenimento di un attestato può fare la differenza su un curriculum.

Ma quali sono le certificazioni di PM più note in Italia? Vediamole insieme.

La certificazione PMP 

Rilasciata dal Project Management Institute, si tratta probabilmente della certificazione più prestigiosa. Per accedere a ruoli di project manager, molte aziende richiedono come requisito fondamentale l’ottenimento della certificazione PMP ®.

La PMP (Project Management Professional) garantisce diversi vantaggi:

  • certificato riconosciuto a livello internazionale,
  • maggiori competenze nella gestione progetti,
  • opportunità di crescita di carriera,
  • maggior reputazione, autorevolezza e credibilità interna ed esterna all’organizzazione, ecc.

Aperto sia a diplomati che a laureati (ma con requisiti professionali differenti a seconda dei 2 profili), l’esame è composto da 200 domande a risposta multipla, da completare in 4 ore. Le domande riguardano i 5 processi della gestione progetti:

  • Avvio,
  • Pianificazione,
  • Esecuzione,
  • Controllo,
  • Chiusura.

È possibile sostenere l’esame in lingua italiana, online o in un centro specializzato.

Il costo dell’esame è il seguente:

  • 340 € per i membri del Project Management Institute,
  • 465 € per i non aderenti.

☝ Una volta ottenuto l’attestato, è previsto un rinnovo ogni 3 anni al costo di 50 € per i membri o 150 per i non membri. La quota associativa richiesta si aggira intorno ai 100 €.

La certificazione CAPM

Anch’essa rilasciata dal Project Management Institute, la certificazione CAPM ® (Certified Associate in Project Management), è particolarmente indicata per le persone non in possesso dei requisiti professionali necessari per sostenere la PMP. 

L’esame, sostenibile in italiano sia online che in presenza, è composto da 150 domande a scelta multipla, da completare in 3 ore. Ecco gli argomenti oggetto delle domande:

  • Introduzione alla gestione progetti,
  • Ruolo del Project Manager,
  • Integrazione di progetto,
  • Ambito del progetto,
  • Schedulazione,
  • Costi di progetto,
  • Qualità di progetto,
  • Allocazione risorse, 
  • Comunicazioni,
  • Criticità,
  • Approvvigionamento di progetto,
  • Stakeholder del progetto.

I junior project manager interessati a questa certificazione PMI, devono sostenere un costo pari a:

  • 185 € per gli aderenti,
  • 250 € per i non iscritti.

L’unico requisito richiesto per l’iscrizione consiste nella conoscenza dello standard PMBOK ®, ovvero le consuetudini internazionali utilizzate per la gestione progetti. 

La certificazione PMI-ACP

Anch’essa organizzata dal Project Management Institute, si tratta di una certificazione sempre più richiesta anno dopo anno. Il suo ottenimento attesta infatti la conoscenza e l’applicazione di alcune tra le più note metodologie “agili” (in particolare Scrum, Kanban, Lean, Extreme Programming e Test Driven Development).

Per iscriversi è sufficiente essere in possesso di un diploma di scuola superiore (oltre a una certa esperienza all’interno di un team agile).  L’esame è composto da 120 domande a scelta multipla, da completare entro 3 ore. Gli argomenti spaziano dal framework agile ai cosiddetti “domini di conoscenza”:

  • metodologie agili,
  • Value-Driven Delivery,
  • Stakeholder Engagement,
  • Boosting Team Performance Practices, 
  • Adaptive Planning, 
  • Problem detection and Resolution,
  • Continuous Improvement.

Anche in questo caso, i costi variano in base allo status:

  • 365 € per i membri del PMI,
  • 415 € per i non aderenti.

💡 Per tutte le certificazioni PMI, i candidati hanno a disposizione un massimo di 3 tentativi per superarlo. Se questi non sono sufficienti per il superamento, è necessario aspettare 12 mesi prima di potersi reiscrivere. 

La grande crescita delle certificazioni di gestione progetti

Secondo l’ISIPM (IStituto Italiano di Project Management), quasi il 90% delle certificazioni di gestione progetti, provengono dal Project management Institute. Nel 2018, ultimo dato disponibile, le certificazioni PMI ® rilasciate in Italia sono state 7434. 

Con l’imporsi dell’e-learning, sempre più corsi online permettono di preparare questi esami in tutta comodità. Non abbiamo dubbi: il numero di certificazioni emesse negli anni a venire, è destinato a crescere! 

E voi, possedete una di queste certificazioni? Oppure progettate di prepararvi per conseguirne una? Se volete, potete commentare qui sotto.