Retroplanning: come costruirlo in 5 semplici tappe

Da Maxime Perotti
Il 06/11/20
how-to backgroundRetroplanning: come costruirlo in 5 semplici tappe

Il mancato rispetto delle scadenze può significare la perdita di clienti e una cattiva immagine per la vostra azienda. Il retroplanning rappresenta uno dei tanti metodi di pianificazione usati nell' Agile Project Management per centrare gli obiettivi di progetto e di business .

In base al tipo di progetto e alle specifiche esigenze di ogni azienda, questo metodo può essere più o meno applicabile.

In questo articolo vi sveliamo di cosa si tratta, quali sono gli step necessari per costruirlo e in e in quali situazioni è più adatto.

Vedrete, rispettare le scadenze non è mai stato così facile! In più Appvizer vi mette a disposizione un modello Excel gratuito per iniziare col retroplanning gratuitamente!

Definizione

Retroplanning, termine preso in prestito dall’inglese, non ha un vero e proprio corrispettivo in lingua italiana.

Con questo termine si identifica un tipo di pianificazione a ritroso , a partire da una data di completamento stabilita. Per questo motivo è conosciuto con altri nomi come " reverse planning " o " backward schedule ".

Parte integrante delle strategie di pianificazione utilizzate dai project manager, si tratta di un metodo molto interessante. Al pari di altri metodi convenzionali usati per la pianificazione, nel retroplanning occorre organizzare e prioritizzare i compiti. La sua peculiarità? Un funzionamento incentrato sulle date di scadenza , che sono inamovibili.

🎯 L’ obiettivo principale , quindi, è completare i compiti rispettando le date, anche se non necessariamente nel minor tempo possibile.

Grazie alla flessibilità che questo tipo di pianificazione offre, viene solitamente utilizzato in progetti ch backlog e richiedono frequentemente modifiche dell'ultimo minuto, in base alle richieste del cliente.

Come costruire un retroplanning in 5 step

#1. Preparate le informazioni

Raccogliete tutte le informazioni sul progetto in questione e organizzatelo in modo da definire chiaramente obiettivi e risultati da conseguire.

#2. Elencate i compiti

Iniziate a suddividere il progetto in diverse aree generali, per poi elencare via via le task e le subtask che li compongono. A livello teorico, si dovrebbe arrivare a una situazione in cui ogni compito è assegnabile alla responsabilità di un’unica persona.

L’obiettivo è avere il più possibile di compiti non scomponibili, come degli atomi. Così, la persona responsabile della task conosce con precisione da dove cominciare e ha maggiori probabilità di portare a termine il lavoro per tempo.

☝Fate attenzione a rispettare la cronologia del progetto e a tenere conto delle possibili interdipendenze tra le varie task.

#3. Definite i tempi

Questo step è forse il più importante, perché è quello in cui si cerca di garantire il rispetto delle scadenze e la consegna finale del progetto.

Dato che non sempre è facile definire con esattezza il tempo necessario per ogni compito, si deve stimare un tempo ragionevole per ognuno di essi, con un margine di errore per affrontare eventuali imprevisti.

#4. Costruite il retroplanning

Si inizia individuando l’ultima attività da svolgere, poi quella precedente e così via, fino a raggiungere la data di inizio del progetto.

☝ Fate attenzione a evitare la sovrapposizione di compiti, e cercate di fornire delle tempistiche ragionevoli per l’esecuzione di ogni task individuata.

#5. Affinate gli ultimi dettagli

Infine, grazie alla visualizzazione grafica del retroplanning, potete cercare di apportare alcuni correttivi e migliorie.

Potete, ad esempio, aggiungere alcune informazioni utili come:

  • l’allocazione del budget,
  • l’allocazione delle risorse umane, ecc.

I vantaggi della programmazione a posteriori

Oltre a permettervi di fissare obiettivi realistici, il retroplanning presenta diversi altri vantaggi, tra cui:

  • aumentare l’efficienza dei processi,
  • bilanciare i carichi di lavoro tra i dipendenti,
  • avere la giusta flessibilità per adattarsi ad eventuali cambiamenti negli ordini dei clienti,
  • garantire il rispetto delle scadenze per i prodotti da consegnare,
  • rispettare le scadenze.

☝Il rispetto dei tempi garantisce una produttività maggiore durante lo sviluppo del progetto.

Esempio di progettazione retroplanning

Ora che abbiamo visto come funziona, vi mostriamo un esempio semplice di retroplanning.

Ecco a cosa assomiglia un progetto per organizzare la partecipazione ad una fiera professionale:

Task- 1 anno- 8 mesi- 3 mesi- 3 settimane- 2 settimaneGiorno XResponsabile
Prenotazione dello stand      Marco
Concezione dello stand      Giulia
Preparazione degli strumenti commerciali      Luca
Lancio della comunicazione marketing (newsletter, sito web, social network, ecc.      Andrea
Organizzazione e formazione del team per lo stand      Silvia
Giorno dell’evento       

Quali strumenti per avere successo con questo metodo?

A seconda del tipo di progetto che si intende sviluppare, delle esigenze specifiche e della complessità, è possibile scegliere come costruire il proprio retroplanning su misura.

Lo strumento classico utilizzato per la pianificazione è Excel. È abbastanza efficace e permette di aggiungere facilmente tutte le informazioni desiderate per ogni compito (budget assegnato, allocazione risorse umane, ecc.).

In alternativa, potete anche realizzarlo online tramite i fogli Google. Sono disponibili alcune estensioni che facilitano notevolmente la creazione di un modello di retroplanning. Così, potete risparmiare una quantità di tempo notevole ogni volta che dovete adattare il modello ad un nuovo progetto.

Infine, se ricercate una soluzione più complessa, elaborata e ricca di funzionalità innovative, potete scegliere di utilizzare un software di project management. Sul nostro sito, trovate diversi tool che permettono il retroplanning, avrete l’imbarazzo della scelta!

💡Un consiglio: i software per la pianificazione aziendale sono molti. Le soluzioni più recenti offrono diverse funzionalità interessanti in ottica collaborativa. In base alle vostre esigenze e dimensioni, noi di Appvizer vi consigliamo di scegliere i tool più innovativi da questo punto di vista.

Il retroplanning: un metodo agile adatto a tutti?

Nel project management, andare indietro dev’essere un modo per prendere lo slancio e guadagnare in efficienza.

Optare per il retroplanning garantisce una gestione fluida del flusso di lavoro, per rispettare le scadenze, aumentare la soddisfazione dei clienti e garantire più vendite e progetti.

Per progetti particolarmente complessi però, il rischio di sbagliare le previsioni e sforare i tempi prefissati è alto. Per natura, il retroplanning è quindi maggiormente adatto per progetti di dimensioni contenute.

Retroplanning, diagramma di Gantt, metodo Kanban, WBS, Lean management...districarsi tra i vari metodi di project management non è sempre facile!

E voi, avete già utilizzato qualcuno di questi metodi? Quali prediligete?

La trasparenza è un valore fondamentale per Appvizer. Come media company, il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori un contenuto utile e di qualità, che al tempo stesso permetta ad Appvizer di vivere di questo contenuto. Ecco perché ti invitiamo a scoprire il nostro business model.   Per saperne di più
Definizioni backgroundTeam di progetto: tutti per uno, uno per tutti
Definizioni
4 mesi fa
Team di progetto: tutti per uno, uno per tutti
Team di progetto: come creare un gruppo di lavoro efficace e performante per la realizzazione di un progetto. Scoprite con noi le varie fasi di sviluppo di un team alla base del project management
Consigli backgroundCome fare un progetto? Guida pratica per punti
Consigli
8 mesi fa
Come fare un progetto? Guida pratica per punti
Come realizzare un progetto efficace? Hai molte idee in testa e non sai come metterle in pratica in modo ordinato? Organizza i tuoi pensieri tramite la nostra guida pratica su come fare un progetto!
Definizioni backgroundMetodo Scrum: perché affidargli i vostri progetti?
Definizioni
anno scorso
Metodo Scrum: perché affidargli i vostri progetti?
Perchè la metologia scrum è perfetta per lo sviluppo software? facciamo un viaggio per spiegare come funziona questa metologia e cosa la differenzia dalle altre tipologie di agile project management
Software background3 Software di Project Management Gratis a confronto
Software
l’altro ieri
5 Software di Project Management Gratis a confronto
Sei un project manager e stai cercando un software di gestione dei progetti efficiente e ottimale senza andare in bancarotta? Leggi il nostro articolo sui software di project management gratuiti! 
Definizioni backgroundDSDM: alla scoperta del Dynamic Systems Development Method
Definizioni
4 mesi fa
DSDM: alla scoperta del Dynamic Systems Development Method
Il DSDM, o Dynamic Systems Development Method, è un framework agile per lo sviluppo progettuale. Quali sono le sue caratteristiche, su che principi si basa e quali sono le tecniche e le pratiche che utilizza?
Definizioni backgroundUrgente o Importarte? La matrice Eisenhower per assegnare la giusta priorità
Definizioni
6 mesi fa
Urgente o Importarte? La matrice Eisenhower per assegnare la giusta priorità
La matrice Eisenhower è un utile strumento per assegnare i livelli di priorità alle task. Questa metodologia si rivela molto utile per una gestione del tempo e del carico di lavoro ottimale attraverso una divisione delle task in importanti e urgenti. Continuate la lettura pere saperne di più.
Definizioni backgroundVantaggi dei software CRM
Definizioni
6 mesi fa
Deliverable di progetto > step necessari per ottimi risultati
Assicurarsi ottimi risultati finali in una realizzazione progettuale? È possibile, grazie alla deliverable di progetto! Scopri di cosa si tratta e quali sono le caratteristiche di questo prodotto intermedio realizzato in sede di progetto.
Consigli backgroundWBS: Date un taglio ai vostri progetti
Consigli
6 mesi fa
WBS: Date un taglio ai vostri progetti
L'applicazione del metodo WBS (Work Breaking Structure) consente di suddividere un progetto padre in task e subtask figli. Si tratta di una soluzione che semplifica notevolmente l'attività e la comunicazione di project manager e team.
Definizioni backgroundProject milestone: il project management per il progress dei vostri progetti
Definizioni
6 mesi fa
Project milestone: il project management per il progress dei vostri progetti
Cos'è una project milestone nella gestione dei progetti? Le project milestone sono obiettivi importanti nel percorso verso il completamento di un progetto. Sono fondamentali per il tracking di un progetto, esamnando il progress e il success di quest'ultimo. Leggete il nostro articolo per saperne di più.