software backgroundGestionale e-commerce :come avere un sito e-commerce adatto alla propria attività online?

Gestionale e-commerce :come avere un sito e-commerce adatto alla propria attività online?

Da Miriam KoudiaIl 09/08/22

Creare un sito e-commerce non è affatto un'impresa facile: non solo l’ergonomia e l’intuitività devono essere all’altezza, ma anche il design e le funzionalità devono essere di buona qualità. Per questo, spesso, alcuni venditori, anziché creare il loro sito e-commerce optano per le piattaforme marketplace.

Appvizer in questo articolo ti spiega la differenza tra il marketplace e il sito e-commerce e ti propone diversi software per gestire al meglio il tuo sito. Non ti resterà che scegliere quello più adatto alle tue esigenze.

Cos'è un marketplace?

Un marketplace è una piattaforma commerciale online che mette in contatto i venditori con i loro acquirenti per vendere prodotti o servizi in cambio di commissioni.

La sua particolarità è che raggruppa molte offerte per fornire un'ampia scelta ai suoi utenti. In cambio, gli utenti vengono generalmente a consultare le offerte su un marketplace in numero maggiore rispetto a un sito di e-commerce "classico".

☝️ Ci sono diversi tipi di mercato:

  • BtoC (Business to Consumer), per le vendite dalle aziende ai singoli clienti;
  • BtoB (Business to Business), per gli scambi tra aziende;
  • CtoC (Consumer to Consumer), per le transazioni tra individui.

Esempi di mercati BtoC, BtoB e CtoC:

Mercato

Tipologia

Esempi

BtoC

Prodotti

Amazon, Alibaba

BtoC

Servizi

Uber

BtoB

Prodotti

Salesforce AppExchange

BtoB

Servizi

Indeed

CtoC

Prodotti

subito.it

CtoC

Servizi

Airbnb, BlaBlaCar

Qual è la differenza tra un marketplace e un sito di e-commerce tipo negozio?

▶ ︎ Un sito di e-commerce è un negozio online (e-shop) composto da prodotti o servizi offerti da un commerciante e che gli utenti d'Internet possono acquistare con i loro propri metodi di pagamento (carta di credito, MasterCard, ecc.).

▶ ︎ Un marketplace è uno spazio online che riunisce diversi venditori di beni o servizi di un segmento di mercato, rendendo possibile la proposta di una gamma molto ampia di prodotti e servizi.

In poche parole, un e-merchant di beni può invitare sul suo mercato dei commercianti complementari al suo inventario. In cambio di un catalogo più grande e di commissioni, condivide il suo traffico e gli acquirenti. Ad esempio, un produttore di cancelli potrebbe creare un mercato per gli installatori di cancelli. Questo modello di mercato invita a sinergie molto fruttuose.

☝️ Ecco qui alcuni elementi per capire l'evoluzione dei siti di e-commerce e le tendenze dei marketplace:

  • I giganteschi marketplace, come Amazon, hanno creato delle perturbazioni logistiche, trasformando il paesaggio dell'e-commerce proponendo la consegna nei punti di ritiro, in 24 ore o la gestione dei resi gratuiti.
  • Queste innovazioni hanno dato un primo colpo alle piattaforme di e-commerce mono-venditori. In effetti, gli utenti si sono abituati all'enorme offerta proposta sui marketplace: raramente compreranno il prodotto che vogliono sul sito della marca, ma su un marketplace per scoprire e confrontare i prodotti che li interessano.
  • Per esempio, i consumatori non vanno al negozio Nike per comprare un paio di scarpe, le comprano su Amazon che offre un servizio di consegna migliore e spesso prezzi più interessanti.
    • Oggi assistiamo allo sviluppo di mercati specializzati (per prodotti o servizi) (prêt-à-porter maschile, vino, arte, ecc.) che permettono ai commercianti indipendenti di vendere i loro prodotti senza i vincoli tecnici, di marketing e di logistica. Questo segmento è una nicchia promettente che le grandi piattaforme di e-commerce generaliste non possono e non vogliono affrontare.

Come creare un marketplace?

5 passi per creare il tuo marketplace online

1. Fare uno studio di mercato

Per il tuo progetto di creazione di un marketplace, sia che tu stia lanciando una nuova attività di e-commerce, sia che tu voglia rinforzare un sito di e-commerce esistente, studia la fattibilità del tuo progetto. Per fare questo, puoi iniziare dal:

  • definire il tuo settore di attività, in linea con la tua strategia;
  • determinare il tuo mercato di riferimento: è di nicchia o generalista?;
  • identificare i prodotti e i servizi disponibili su questo mercato: quali sono le loro caratteristiche (natura, volume, ecc.)?;
  • guarda la concorrenza: quanti concorrenti ci sono in questo segmento? Quali strategie usano?.

Identifica sia le minacce che le opportunità, questo ti aiuterà a convalidare la tua scelta prima del lancio.

2. Determinare la tua persona

Definire la persona è un approccio di marketing essenziale. Nel tuo caso, dovrai innanzitutto interessarti ai venditori e convincerli a vendere i loro prodotti o servizi sulla tua piattaforma in modo tale da ampliare la tua offerta e contribuire al successo della tua piattaforma.

Conoscere bene i tuoi obiettivi ti aiuterà a promuovere il tuo mercato presso di loro e a proporre loro un'offerta attraente adatta al loro profilo.

3. Scegliere un modello di business

Il modello di business è il frutto di una riflessione strategica approfondita: dev’essere adattato al tuo mercato. Anche in questo caso, ispirati da ciò che fanno i tuoi concorrenti!

Ecco le diverse opzioni a tua disposizione, tra le più utilizzate:

  • far pagare una commissione su qualsiasi transazione tra il venditore e l'acquirente;
  • un sistema di abbonamento per i venditori, che offre diverse tariffe a seconda del servizio;
  • una tassa puntuale, che viene addebitata solo quando un oggetto viene messo in vendita;
  • il pagamento delle spese di registrazione per i venditori che scelgono di vendere sulla tua piattaforma;
  • il pagamento di quote associative per gli acquirenti, che permette loro di accedere a offerte vantaggiose dal loro conto cliente, ecc.

Sta a te definire il modello più appropriato per il tuo mercato!

4. Scoprire le questioni legali e contabili

Ci sono diversi elementi a cui ti devi interessare per garantire la tua conformità:

  • gli aspetti legali:
    • le diverse opzioni di gestione dei pagamenti e delle ricevute, come:
      • la creazione di un sistema di raccolta per conto di terzi;
      • l'uso di fornitori esterni di servizi di pagamento, come istituti di pagamento o istituti di credito, che lavorano direttamente con i venditori.
  • le informazioni che devono essere incluse nelle condizioni generali d'uso (CGU), tra cui:
    • lo status delle persone autorizzate a presentare un'offerta;
    • i dettagli del servizio di contatto;
    • il metodo di calcolo dei tassi;
    • le condizioni di pagamento e le modalità di gestione della transazione finanziaria, ecc.
  • Per quanto riguarda la contabilità:
    • la conservazione delle informazioni relative alle transazioni dei venditori;
    • la gestione dell'IVA, che viene addebitata al venditore e dev’essere indicata anche sulle commissioni.

5. Definire il tuo budget

Lanciare un mercato online richiede inevitabilmente dei fondi. Per stabilire il budget per il tuo progetto, dovrai prendere in considerazione:

  • la tua strategia aziendale;
  • la tecnologia o la soluzione di creazione del mercato che userai;
  • il tipo e il numero di caratteristiche e moduli che desideri;
  • le risorse umane per la gestione amministrativa e il coordinamento dei venditori;
  • le tue campagne di marketing, per promuovere la tua piattaforma e generare traffico che farà crescere il tuo business, ecc.

A seconda delle tue scelte, il budget necessario per creare un marketplace varierà significativamente: da 50.000 euro per un MVP (Minimum Viable Product), adatto ad una lean startup preferita da alcune aziende, a 150.000 euro per aziende più grandi con esigenze tecniche talvolta più complesse.

Ecco, ci sei quasi! Non resta che creare un piano promozionale. Determina quali azioni di comunicazione ti aiuteranno a guadagnare visibilità, concentrandoti sui canali adatti al tuo target (Google Ads, social media, ecc.).

È una buona idea creare un sito web per commercianti da soli?

Potresti aver pensato a un'alternativa: assumere una web agency o un'azienda IT per creare un mercato unico come Amazon, Alibaba e Airbnb hanno fatto prima di te. Hai ragione a considerare questa opzione per evitare di perdere un'opportunità o per essere consapevole dei rischi che ciò comporta.

Ecco una lista dei vantaggi e degli svantaggi riguardanti lo sviluppo di un mercato per conto proprio.

Vantaggi

  • L'esperienza di acquirenti e venditori può essere potenzialmente unica, permettendoti di distinguerti dalla concorrenza;
  • non ci saranno limitazioni funzionali, né vincoli imposti da una soluzione chiavi in mano;
  • se la tua attività riguarda un settore specifico, il tuo mercato sarà più ottimizzato (soprattutto per quanto riguarda il Back-Office);
  • l'internalizzazione della tua catena di valore ti permette di aumentare il valore della tua azienda.

Svantaggi

  • Il costo sarà molto alto: conta su un minimo di 25.000 euro/mese di funzionamento;
  • ti esponi a frequenti bug, guasti e problemi di sicurezza;
  • il time-to-market è lungo e il rischio finanziario è alto. Per queste e altre ragioni i grandi gruppi usano i servizi chiavi in mano.

Prima di cimentarti nello sviluppo del tuo sito di e-commerce interno, redigi una descrizione completa delle funzionalità previste con una stima approssimativa del tempo di sviluppo per ciascuna di esse. Questo ti permetterà di stimare i costi di avviamento e di gestione.

Le migliori soluzioni per creare gestire un e-commerce

Le soluzioni selezionate non sono tutte uguali, poiché spesso corrispondono a progetti web molto diversi. Leggi la presentazione dettagliata di queste piattaforme nei seguenti paragrafi.

PrestaShop

PrestaShop è il primo concorrente di Magento nella categoria delle piattaforme e-commerce Open Source. Come il suo concorrente, PrestaShop è progettato per costruire negozi di e-commerce e non marketplace, oltre a possedere una dozzina di plug-in possono superare questo deficit.

JA Marketplace, Advances Marketplace e altri plug-in sono per lo più disponibili per €199,99, invece i plug-in entry-level per €40, ti permettono di creare un semplice marketplace. Le estensioni ti permettono di gestire più venditori, impostare commissioni personalizzate (fisse o variabili), personalizzare il back office del venditore, gestire il catalogo dei prodotti in tempo reale e integrare i gateway di pagamento di tua scelta.

Vantaggi di PrestaShop

  • il prezzo: PrestaShop e i suoi plug-in rappresentano una soluzione economica;
  • la personalizzazione avanzata del Back-Office del venditore (logo, commissioni, catalogo, ecc.);
  • le possibilità di evoluzione e personalizzazione del mercato;
  • la comunità PrestaShop.

Svantaggi di PrestaShop

  • la complessità della creazione di un sito PrestaShop e del plug-in Marketplace;
  • l'incerta evoluzione del plug-in;
  • i servizi non inclusi: hosting, manutenzione, aggiornamenti, backup dei dati, sicurezza del sito e dei server.

Vidra

Vidra è una soluzione che permette non solo di creare il proprio sito e-commerce, ma anche di gestire la spedizione, il tutto in un unico luogo.

La soluzione è presente sotto forma di 4 abbonamenti distinti: la prima soluzione è gratuita, ma con funzionalità limitate.

Il piano Essenziale che fornisce tutti gli strumenti per vendere online mobile e al dettaglio a un costo di 8€. La terza soluzione, Standard, fornisce gli strumenti, non solo per la gestione del negozio online, ma anche per la sua crescita, il cui prezzo è di 19€. Infine vi è la soluzione Business che permette di gestire la vendita all’ingrosso verso i distributori B2B, a un costo di 129€.

Vantaggi

  • La piattaforma è semplice e intuitiva;
  • la possibilità di essere accompagnati dal team per la creazione del sito;
  • accetta tutti i metodi di pagamento, tra cui PayPal, Visa, Mastercard;
  • la possibilità di tenere traccia della quantità di prodotti presenti in magazzino.

Svantaggi

  • La versione gratuita permette di gestire solo 10 prodotti.
Vidra

Software per e-commerce
Per saperne di più su Vidra

WordPress

Il 29% dei siti web mondiali utilizza WordPress (un CMS ideato per la progettazione di blog e la gestione dei contenuti). WordPress è molto conosciuto tra i web designer: infatti, oggi esistono 54.000 plug-in per migliorare il CMS! Tra questi plug-in ci sono molte funzioni di e-commerce e marketplace.

Il più popolare è WC Marketplace che ha il miglior feedback popolarità/numero d'installazioni/valutazione complessiva (5 stelle). WC Marketplace è gratuito e viene pagato grazie alle donazioni degli utenti.

Vantaggi di WordPress

  • WordPress dispone di 54.000 estensioni, di cui una buona parte è gratuita al 100%;
  • l'importante copertura funzionale grazie ai plug-in;
  • l'ergonomia di WordPress e la possibilità di personalizzare completamente l'HTML, il CSS e il PHP;
  • la facilità di rendere WordPress ideale per il referenziamento naturale (SEO).

Svantaggi di WordPress

  • Le falle di sicurezza sono spesso causate da plug-in e temi gratuiti;
  • l’incompatibilità tra plug-in e temi.
WordPress

Leader mondiale di CMS Open Source
Per saperne di più su WordPress

Magento

Magento è il CMS Open Source per l'e-commerce più conosciuto al mondo. Magento sta ora cercando di garantire una certa compatibilità con i progetti di marketplace grazie a dei moduli, tra cui "Marketplace Multi Vendor Module for Magento", disponibile per 285 euro (349 dollari). Questo modulo trasforma un negozio di e-commerce in un marketplace con diverse funzionalità come: recensioni, commissioni, spedizioni, aggiunta di gateway di pagamento, API, ecc. Il vantaggio di Magento è che la piattaforma è gratuita e le possibilità di personalizzazione sono quasi illimitate.

Vantaggi di Magento

  • L'impostazione delle commissioni in base ai venditori;
  • la qualità della piattaforma Magento e le migliaia d'integrazioni (Woocommerce, Google Shopping, Mailing, ecc.);
  • il prezzo: Magento e i suoi plug-in rappresentano una soluzione di e-commerce economica.

Svantaggi di Magento

  • La complessità della configurazione di un sito Magento e del plug-in Marketplace;
  • l'evoluzione incerta del plug-in;
  • i servizi non inclusi: hosting, manutenzione, aggiornamenti, backup dei dati, sicurezza del sito e dei server.
Magento

Un punto di riferimento nell'ambito CMS e-commerce
Per saperne di più su Magento

Shopify

Shopify è una delle piattaforme maggiormente utilizzate in Italia. La presenza di temi disponibili e la possibilità di personalizzarli ne facilitano l’utilizzo. Il prezzo inizia da 27 € al mese.

Vantaggi di Shopify

  • Possibilità di registrare e acquistare il dominio;
  • il software essendo in cloud non ti dovrai preoccupare dell’hosting;
  • la gestione del software essendo sul server monitora la sicurezza informatica;
  • presenza di template predisposti;
  • presenza di app create appositamente per Shopify;
  • assistenza 24h/24h.

Svantaggi

  • L’utilizzo della piattaforma è talvolta complicato per alcuni;
  • per coloro che necessitano di funzionalità avanzate, il costo della piattaforma è molto elevato
Shopify

Create il vostro sito e il vostro e-commerce
Per saperne di più su Shopify

Quanto costa creare un sito e-commerce?

Definire un prezzo globale è molto difficile, tuttavia vi sono alcuni elementi che possono influenzare il costo. Tra questi troviamo: la tipologia del sito e-commerce, l’hosting, il design, la personalizzazione del sito, il numero delle pagine e le persone necessarie per realizzarlo.

Inoltre, sappi che se ricorri a una web agency i costi saranno più alti, ma potrai beneficiare di consigli per avere un sito e-commerce che duri nel tempo.

Questo tipo di agenzia potrà aiutarti nella scelta del nome del tuo e-commerce, nella creazione del tuo sito e tanto altro ancora.

Ovviamente, più funzionalità sceglierai di mettere sul tuo sito, più il costo aumenterà.

In aggiunta a quanto detto in precedenza, per evitare costi aggiuntivi durante la creazione del tuo sito e-commerce, pensa a quali potrebbero essere le funzionalità di cui potresti avere bisogno a breve e a lungo termine e non dimenticare che il tuo sito dev’essere professionale!

La trasparenza è un valore fondamentale per Appvizer. Come media company, il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori un contenuto utile e di qualità, che al tempo stesso permetta ad Appvizer di vivere di questo contenuto. Ecco perché ti invitiamo a scoprire il nostro business model.   Per saperne di più

I migliori strumenti per te

Consigli backgroundFoto per e-commerce: come fare la foto perfetta del tuo prodotto
Consigli
9 maggio 2022
Foto per e-commerce: come fare la foto perfetta del tuo prodotto
No sai come scattare la foto perfetta del tuo prodotto da inserire nel sito e-commerce? Non ti preoccupare, abbiamo pensato a te? Grazie a questo articolo, scoprirai tutti i tipi di scatto che esistono con tanto di guida per scattare la foto impeccabile che lascerà i tuoi clienti a bocca aperta.
Consigli backgroundAumentare le vendite e-commerce: una sfida da vincere
Consigli
5 maggio 2022
Aumentare le vendite e-commerce: una sfida da vincere
Vuoi aumentare le tue vendite e-commerce? Appvizer ti mostrerà in questo articolo le tecniche da utilizzare. Ti assicuroiamo che alla fine dell'articolo avrai tutte le chiavi in mano per aumentare il tuo fatturato con tanto di suggerimento software!
Consigli backgroundFunnel e-commerce: Come convertire un maggior numero di user?
Consigli
5 maggio 2022
Da utente a cliente: tutte le fasi per un funnel e-commerce impeccabile
Vuoi saperne di più su cos' è un funnel e-commerce e come ottimizzarlo e quali sono le strategie che utilizzano i tuoi concorrenti per ottimizzarlo? Inoltre, ti diamo anche qualche suggerimento di software che ti aiuterà a ottimizzare il tuo funnel e-commerce. Appvizer risponde alle tue domande in questo articolo !
Consigli backgroundE-commerce marketing: come avere una buona strategia?
Consigli
28 gennaio 2022
Marketing e-commerce: quali sono i segreti da svelare?
Vuoi saperne di più sull'e-commerce marketing ,su come avere una buona strategia? Apvvizer ti illumina in questo articolo dicendoti tutto sull'e-commerce marketing, come fare e come avere una strategia e-commerce di marketing digitale di successo!
Definizioni backgroundÈ possibile aprire un e-commerce senza partita IVA ?
Definizioni
8 dicembre 2021
E-commerce senza partita IVA una missione impossibile?
Vuoi aprire un e-commerce e ti chiedi se puoi farlo senza aprire una partita IVA? Appvizer ti spiega in questo articolo i limiti , i requisiti necessari e gli adempimenti amministrarivi per aprire un e-commerce.