Come calcolare il ROE (Return on Equity) per stabilire la redditività dell’azienda

di Giorgia Frezza, il 29/03/21
come-si-calcola-il-roe

Se state pensando di investire in una società, dovrete disporre un modo affidabile per misurare la redditività del capitale di quella società. Dopo tutto, che senso ha investire se i rendimenti non si rivelano fruttuosi? Il Return on equity, o ROE in breve, fa esattamente questo. Misura la redditività di un'azienda, ed è una delle metriche più importanti negli affari e negli investimenti.

Ma come si calcola il ROE? E soprattutto una volta appreso il risultato, come lo si interpreta? Non sempre un ROE negativo indica un capitale di rischio e a volte un ROE positivo può essere uno specchio per allodole.

Scopritelo nel nostro articolo come si calcola il ROE e come confrontarlo con i parametri finanziari dell’azienda.

Che cos'è il Return on equity (ROE)?

Il Return on equity (ROE) è un modo per gli investitori di misurare la performance finanziaria di una società. Più specificamente, è la redditività dell'azienda in relazione al patrimonio netto. Il ROE misura la performance aziendale confrontando il reddito al netto delle tasse con il patrimonio netto totale degli azionisti. Il ROE compare nella lista degli indicatori di bilancio che gli azionari utilizzano per confrontarlo con il rendimento manageriale.

Il ROE, Return on equity, è anche chiamato a volte ritorno sulle attività nette perché il patrimonio netto degli azionisti è uguale alle attività nette di un'azienda, dopo il debito.

Poiché il ROE misura la percentuale di capitale degli investitori che sono stati convertiti in reddito, è un ottimo modo per determinare quanto efficientemente la vostra azienda stia gestendo il vostro denaro investito. Il tasso di soddisfazione dipenderà dai parametri di riferimento come il settore, le dimensioni e il confronto con altre aziende simili. In generale, un'azienda con un ROE relativamente più alto ha una maggiore possibilità di generare reddito utilizzando il capitale investito degli stakeholders.

Come si calcola il Return on Equity (ROE)?

La formula di base per calcolare il ROE è:

ROE= ( Reddito Netto di Esercizio / Patrimonio netto(mezzi propri) ) x 100

Il reddito netto di esercizio è il profitto finale - prima che i dividendi delle azioni ordinarie siano pagati - riportato sul conto economico di un'azienda. Il flusso di cassa libero (FCF) è un'altra forma di redditività e può essere usato al posto del reddito netto.

Il patrimonio netto degli azionisti è l'attivo meno il passivo sul bilancio di un'azienda ed è il valore contabile che rimane agli azionisti se una società regola le sue passività con le attività riportate.

Si noti che il ROE non deve essere confuso con il Return on total assets (ROTA). Anche quest’ultimo è un indicatore di redditività. Tuttavia, il ROTA è calcolato prendendo in considerazione i guadagni di una società prima degli interessi e delle tasse (EBIT) e dividendoli per le attività totali della società.

Il ROE può anche essere calcolato in periodi diversi per confrontare il suo cambiamento di valore nel tempo. Confrontando il cambiamento nel tasso di crescita del ROE da un anno all'altro o da un trimestre all'altro, per esempio, gli investitori possono tracciare i cambiamenti nella performance manageriale.

Esempio pratico di calcolo del ROE

Proviamo a calcolare il ROE usando un esempio. Innanzitutto, immaginiamo che la società X abbia un reddito netto di 10 milioni di euro in un anno. All'inizio dell'anno, il patrimonio netto medio degli azionisti era di 25 milioni di euro. Siete riusciti a reperire questi numeri consultando il conto economico e lo stato patrimoniale della società X.

Usando questi numeri, il ROE verrebbe calcolato in questo modo:

ROE = Reddito netto / Patrimonio netto medio

ROE = (10.000.000 / 25.000.000) = 0,4

ROE = 0,4 x 100% = 40%

Seguendo la formula del ROE, abbiamo calcolato che il rendimento del capitale netto della società X durante quell'anno è stato del 40%.

Interpretare correttamente il risultato del ROE

Misurare la performance del ROE di una società rispetto a quella del suo settore è solo un dei confronti possibili.

Ad esempio, nel quarto trimestre del 2020, la Bank of America Corporation aveva un ROE dell’ 8,4%. Secondo la Federal Deposit Insurance Corporation, il ROE medio del settore bancario nello stesso periodo era del 6,88%. In altre parole, la Bank of America ha super performato rispetto alle aspettative del settore.

Tuttavia, i calcoli della FDIC comprendevano tutti i tipi di banche, comprese le banche commerciali, di consumo e comunitarie. Poiché la Bank of America è, in parte, un prestatore commerciale, bisogna andare a verificare il valore corrispondente nel settore delle banche commerciali. Il ROE per le banche commerciali era del 5,62% nel quarto trimestre del 2020. Possiamo, quindi, concludere che il suo ROE si rivela comunque essere superiore a quello delle altre banche commerciali.

Di conseguenza, non è solo importante confrontare il ROE di una società con la media del settore, ma anche con società simili all'interno di quel settore.

Nel valutare le aziende, alcuni investitori usano anche altri indicatori, come il Return on capital employed (ROCE) e il ROI, Return on investment e ROA, Return on asset. Gli investitori spesso usano il ROCE invece del ROE standard per giudicare la longevità di un'azienda. In generale, entrambi sono indicatori più utili per le imprese ad alta intensità di capitale, come i servizi pubblici o il settore manifatturiero.

Interpretare correttamente il risultato del ROE

Il ROE racconterà sempre una storia diversa a seconda dei dati finanziari, ad esempio se il patrimonio netto cambia a causa dei riacquisti di azioni o il reddito è esiguo o negativo a causa di una perdita una tantum. Capire i componenti che hanno causato un ROE negativo è fondamentale. Vediamo tutti gli scenari possibili.

Cosa vuol dire un ROE negativo?

Ci possono essere circostanze in cui il patrimonio netto di una società è negativo. Questo di solito si verifica quando una società ha subito perdite per un periodo di tempo e ha dovuto prendere in prestito denaro per continuare a rimanere in attività. In questo caso, le passività saranno maggiori delle attività.

Quindi, anche se nell’anno in corso, la società ha generato dei profitti considerevoli e quindi risulta redditizia da un punto di vista finanziario, il risultato sarà un roe negativo.

Un ROE troppo elevato è positivo?

Si potrebbe pensare che le azioni con un ROE elevato costituiscano un grande valore, ma non è sempre così. Come investitore, bisogna fare attenzione e assicurarsi che l'azienda che vi interessa possa offrire un ROE solido, ma anche crescere ad un tasso sostenibile. Se trovate un'azienda con un ROE molto alto, è consigliabile fare un’analisi accurata delle sue finanze.

Dovrete cercare possibili problemi come l'incoerenza dei profitti, il debito in eccesso e il reddito netto negativo.

Incoerenza dei profitti

Un ROE alto può a volte segnalare un profitto incoerente, quindi fate molta attenzione. La stessa formula del ROE è esplicativa di questa situazione. Diciamo che la società Z ha riportato perdite per diversi anni di seguito. Queste perdite sono registrate nella sezione del patrimonio netto del bilancio come perdite trattenute. Essendo un numero negativo, riduce l'ammontare del patrimonio netto.

Ora, diciamo che la società Z improvvisamente ha un picco di vendite e performa molto bene nell’anno in corso. Quando si calcola il ROE per quell'anno, si avrà come risultato un elevato reddito netto, che verrà diviso per un denominatore molto piccolo, il patrimonio netto. A causa della semplice matematica, questo risulterà in un ROE ingannevolmente alto.

Debito in eccesso

Un altro problema comune che si presenta con un ROE elevato è il debito in eccesso. Ricordate, il patrimonio netto è uguale alle attività nette dopo il debito. Se un'azienda ha preso in prestito in modo aggressivo per rimanere a galla, si ha di nuovo un esempio in cui il denominatore diventa molto piccolo. Questo si traduce in un ROE elevato che potrebbe portarvi fuori strada.

Reddito netto negativo

Ultimo ma non meno importante, il reddito netto negativo può essere un'altra trappola per gli investitori. Prima è stato detto che il ROE non dovrebbe essere calcolato se il reddito netto o il patrimonio netto sono negativi. Sia il reddito netto negativo che il patrimonio netto negativo possono creare un ROE falsamente alto. Se una società deve riportare una perdita netta, piuttosto che un reddito netto, allora il ROE non dovrebbe essere calcolato.

Avete ancora delle domande sul calcolo del ROE? Se avete bisogno di chiarimenti, scriveteci nella sezione dedicata ai commenti.