Backup incrementale, perchè sceglierlo

Backup incrementale e differenziale

Il backup dei dati è un compito cruciale per la sopravvivenza della vostra azienda. Esistono diversi metodi. Quale scegliere? E perche' mai? Esaminiamo insieme i diversi criteri determinanti del vostro backup.

Cosa c'è da sapere sul backup dei dati

Che cos'è il backup?

Il backup è un'operazione che consiste nel duplicare il contenuto di un sistema informatico e memorizzarlo per tenerlo al sicuro. Il backup può essere eseguito su un supporto esterno come un disco rigido o una chiavetta USB (Universal Serial Bus), su un server NAS (Network Attached Storage), o sul cloud, online.

Il backup non è ne la registrazione ne l'archiviazione

Occorre distinguere tra backup, registrazione e archiviazione. Il backup passa, ovviamente, attraverso una fase di registrazione. D'altra parte, la registrazione non comporta necessariamente la duplicazione. L'archiviazione è la conservazione a lungo termine e la protezione dei contenuti, pur mantenendone le condizioni originali. L'azione di backup non porta automaticamente all'archiviazione

Come scegliere il backup?

Comprendere le sfide del backup automatico

Prima di scegliere un metodo di backup per la vostra azienda, è importante capire che la vostra scelta avrà un impatto sulle modalità di ripristino dei servizi in caso di disastro. Inoltre, per la vostra strategia di backup, è necessario definire le priorità specifiche per la vostra attività.

Porsi le domande giuste

Quali dati sono importanti per il funzionamento della vostra organizzazione? Quale frequenza di backup è più appropriata per la vostra azienda? Quale piano di risanamento dovrebbe essere pianificato? Rispondi a queste domande per guidare la tua scelta.

Conoscere la capacità del disco di backup

Naturalmente, è necessario conoscere il volume di dati di cui eseguire il backup - in bit - l'intensità del flusso di attualizzazione e la capacità di archiviazione di ogni partizione del disco rigido su cui si desidera trasferire i dati. La capacità di backup su uno spazio di archiviazione è una questione importante. Non è possibile memorizzare troppi contenuti in uno spazio limitato: più pesante è lo stock, maggiore è il rischio di crash del sistema. Assicuratevi anche di conoscere la disponibilità della vostra larghezza di banda e l'accessibilità delle vostre informazioni.

I diversi metodi di backup

Backup completo: uno sforzo che deve rimanere puntuale

Un backup completo, detto anche full backup, consiste nel copiare tutti i dati. Ma non appena questi raggiungono un certo volume, il backup diventa lungo e laborioso. Se, inoltre, è probabile che i dati in questione si evolvano lungo il percorso, il loro trasferimento potrebbe incontrare problemi di sincronizzazione e causare il fallimento del backup. È necessario fare un backup completo, ma non è consigliabile farlo spesso. Scegliere un momento in cui l'attività dell'azienda rallenta, come agosto, per avviare il backup, e quindi essere sicuri di ridurre al minimo i disagi causati e massimizzare le possibilità di successo del processo.

Backup online: duplicare più materiale ma in maniera meno sicura

È possibile scegliere i servizi di backup online o il backup cloud. Danno meno lavoro all'utente perché i dati di backup sono gestiti da un professionista che se ne prende cura per voi. Vi permettono di memorizzare i vostri dati in un luogo diverso dal disco rigido, il che è molto comodo per evitare la perdita dei contenuti in caso di guasto, quindi è sufficiente recuperarli online. Indipendentemente dal vostro sistema operativo (mac os, linux o microsoft windows), questo servizio è accessibile a tutti e vi permette di accedere ai vostri backup da qualsiasi computer connesso a Internet. Non c'è bisogno di configurare le impostazioni sul vostro computer, tutto è fatto su un'altra interfaccia, nel cloud. D'altra parte, questa soluzione richiede di consegnare i dati a qualcuno che possa poi consultarli. Se conservati in questo modo, hanno maggiori probabilità di essere violati. Tuttavia, è possibile crittografarli prima di salvarli, ma questo richiede uno sforzo extra.

Backup differenziale: più lento e più voluminoso

Il backup differenziale si basa sull'ultimo backup completo. Integra e aggiorna tutte le modifiche apportate nel frattempo. Il backup completo, quello da cui vengono eseguiti i backup, sta diventando sempre più vecchio. Di conseguenza, il numero di elementi modificati è in aumento. La loro sincronizzazione richiede quindi più tempo e occupa più spazio di archiviazione.

Backup incrementale: un aggiornamento senza intoppi

Il backup incrementale, parte da una copia precedente, completa o incrementale, e consente, una volta completato il backup totale, di avere un quadro fedele di tutti i dati in un dato momento. Il backup totale diventa la base da cui partire per implementare una strategia di backup continuo e leggero. Con il backup incrementale, è possibile duplicare e salvare solo i nuovi elementi aggiunti. Di conseguenza, lo spazio richiesto è minimo, il backup è facile da gestire e l'aggiornamento è veloce. Ha una variante con backup delta chiamato anche delta backup, che è un backup incrementale la cui granularità, più fine, è fatta a livello dei blocchi di dati, e non alla scala di ogni file.

Perché scegliere il backup incrementale?

Ripristino dei dati, l'unico vantaggio del metodo differenziale

L'unico motivo per eseguire il backup con il metodo differenziale piuttosto che incrementale è quello di rendere più facile il recupero dei dati. Con il backup differenziale, è sufficiente ripristinare solo due versioni: la prima originale e l'ultima, la più recente. Mentre con un backup incrementale, sarà necessario ripristinare tutte le versioni, ognuna con le informazioni che sono in suo possesso.

Backup incrementale o differenziale, due opzioni possibili

La vostra scelta è la seguente:

  • Configurare un sistema di backup differenziale lento e pesante su base giornaliera, ma che garantisce un ripristino più rapido il giorno in cui è necessario ripristinare il sistema
  • Oppure installare un sistema incrementale per la gestione continua dei flussi, anche se questo significa avere un piano di recupero più lungo in caso di incidente

Valutate le relazioni rischio/opportunità di ogni scenario in base alla vostra situazione e confrontatele.

Scegliere un software di backup gratuito: Uranium,GoodSync, Nakivo

Quando si sceglie tra backup incrementale o differenziale, i criteri di velocità e volume sono essenziali. Se diversi software di backup offrono entrambi assicuratevi di capire i vantaggi di ciascuno, per scegliere la soluzione più adatta.

Uranium

Uranium è una soluzione di backup che si rivolge ad un pubblico piuttosto ampio. Infatti, uno dei suoi più grandi vantaggi è la possibilità di scegliere differenti versioni in modo da trovare il software veramente adatto alle proprie esigenze. Grazie alla sua interfaccia estremamente user-friendly sarà possibile inizializzare la soluzione con pochi click. Tra le funzionalità che ci piacciono:

  • possibilità di programmare il backup
  • copia shadow
  • backup su database o nastro

GoodSync

GoodSync in questo ambito è uno dei grandi nomi internazionali. Offre ampie possibilità di utilizzo in modo da supportare al meglio le vostre attività di backup. Anche in termini di archiviazione offre infinite possibilità, NAS o cloud con tutti i più famosi sistemi di archiviazione sul mercato (Azure, Amazon, Drive, Dropbox..). Tra le funzionalità più interessanti:

  • servizio di sincronizzazione
  • console web centralizzata
  • accesso ai file da remoto

Nakivo

Nakivo ha uno scopo d'essere: garantire la sicurezza dei vostri dati. Il tutto però senza essere uno strumento pesante e complicato. Sarete supportati in tutto e per tutto dall'azienda, non dovrete preoccuparvi di manutenzione e aggiornamenti. Il tutto con 3 versioni disponibili in modo assecondare ogni possibile esigenza. Tra le sue caratteristiche di spicco:

  • backup su VMware e cloud
  • replica
  • deduplica real time
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento