10 consigli guida per cercare investitori

Cercare investitori: 10 consigli per i finanziamenti alle startup

Come cercare investitori? Mentre alcuni imprenditori hanno trovato finanziamenti in occasione di eventi dedicati per startup, è possibile trovare denaro e soddisfare il proprio fabbisogno con altri mezzi. È possibile finanziare la vostra idea e lanciarla contattando i Business Angels, le banche, i vostri parenti, un'agenzia di rating, una società di private equity, chiedere un finanziamento o partecipare a un concorso. Per aiutarvi a scegliere il miglior finanziamento, ecco 10 consigli per cercare finanziatori:

Selezione software

noCRM.io

noCRM.io
Soluzione efficace di gestione dei lead per i commerciali
Provalo Gratis
Vai alla scheda

Wrike

Wrike
Un affidabile software di project management
Inizia gratis
Vai alla scheda

Beekast

Beekast
Effective and dynamic meetings
Visita il sito
Vai alla scheda

Consiglio #1: fare networking

Non restate chiusi nel vostro guscio. Fare networking significa conoscere gente che vive e lavora nel proprio stesso ambiente. In ogni città ci sono eventi che cercano di far incontrare finanziatori, professionisti e startup in maniera più o meno formale. Potreste incontrare certamente degli investitori interessati parlando del vostro progetto imprenditoriale chi lo sa? magari saranno disposti a supportarvi. Al tempo stesso, potreste incontrare altre startup che prima di voi hanno iniziato questo percorso e potrebbero darvi qualche dritta su come muovervi.

Consiglio #2: rivolgetevi a chi vi è vicino la “love money”

Il termine Love Money si riferisce ai fondi che un imprenditore cercherà nella sua cerchia ristretta: famiglia, amici o persone di fiducia.

Sono le prime persone a cui rivolgersi quando si cerca un investitore: la cerchia ristretta è più incline a fidarsi di voi, a darvi una mano per iniziare.

Naturalmente, queste persone vi chiederanno di spiegare il vostro progetto, le ragioni del suo successo e devono anche essere rassicurate sulla vostra capacità di leader prima di darvi dei soldi.

Come principio morale, è importante avvertire i propri cari in caso di fallimento, perché i loro soldi possono andare persi: un ottimo motivo per lavorare sodo sul proprio progetto, avviando il proprio business plan.

Consiglio #3: partecipare a un concorso per vincere fondi

Alcuni responsabili di progetto o creatori d'impresa partecipano a concorsi, vincono e si aggiudicano un budget per sviluppare la azienda e spesso vincono anche una consulenza per un certo periodo.

I vantaggi dei concorsi:

  • essere in grado di guadagnare denaro senza dover rendere conto a nessuno
  • farsi conoscere, sviluppare l'immagine e la notorietà della propria azienda
  • un ottimo allenamento per acquisire fiducia nel presentare il proprio brand

Svantaggi:

  • l'importo raccolto non è sufficiente a sostenere un progetto il più delle volte, ma rappresenta piuttosto una spinta;
  • non tutti i concorsi sono aperti a tutti i tipi di progetti e la selezione è dura.

Assicuratevi di verificare se ne vale la pena prima di partecipare a un concorso e ponetevi la semplice domanda: cosa ci guadagno io?

Consiglio #4: Richiedere il sostegno finanziario di organizzazioni dedicate

Le organizzazioni gestite dalla vostra regione o anche dallo Stato hanno attuato programmi di aiuti finanziari e di sovvenzioni che vengono concessi ai creatori d'impresa senza alcuna richiesta di rimborso (noti infatti come finanziamenti a fondo perduto). Si tratta quindi di una strada da studiare attentamente.

Tuttavia, è necessario garantire il rispetto dei criteri definiti da queste organizzazioni:

  • l'obbligo di operare su un territorio specifico
  • l'obbligo di sviluppare un'attività in un settore specifico
  • soddisfare tutti i requisiti di legge inerenti al creatore d'impresa

Consiglio # 5: Incontrare i Business Angel

Nell'ambito della raccolta fondi privata, potete aumentare il capitale della vostra azienda a singoli investitori contattando i Business Angel.

I Business Angel sono investitori privati e in generale imprenditori di successo. Alcuni sono pronti a investire su due piedi per il vostro progetto.

Devono essere convinti dei vantaggi e dei benefici che la vostra azienda può portare. Non bisogna dimenticare che un investitore privato è alla ricerca di un'opportunità: può investire non appena viene creata un'azienda, o per sostenere l'accelerazione di un'attività nel suo mercato.

Il manager deve quindi rivolgersi ai Business Angel che hanno una certa affinità con il settore in cui opera: questi investitori privati offriranno la loro esperienza di imprenditori per consigliare il manager.

Raccogliere fondi dai Business Angel significa rinunciare a una parte del potere decisionale. È quindi necessario pensare con attenzione a chi collaborare e definire i rispettivi ruoli di ciascuno.

Consiglio #6: Rivolgersi ad un Venture Capital

Diversamente da un Business Angel che investe i propri capitali, i Venture Capital al momento della loro creazione istituiscono un fondo istituzionale a devolvere alle aziende nel loro portfolio. Inoltre un Venture Capital oltre di investire in una start up offre generalmente un team con competenze tecniche dedicate all’universo start up per sostenere anche in maniera operativa in propri investimenti. In termini di investimenti tendenzialmente diversificano in termini di stadio di maturazione (seed, early-stage, growth..) mentre per quanto riguarda il settore possiamo anche trovare Venture Capital piuttosto focalizzati su determinati settori.

Consiglio #7: Fate valutare la vostra startup da un'agenzia che sia un punto di riferimento per gli investitori.

RateAndGo è un servizio, dedicato alle start-up e creato da Exaegis, la principale agenzia di rating per le aziende digitali.

La valutazione dell'avvio da parte di questo servizio di rating presenta diversi vantaggi:

  • non c'è niente da pagare per far valutare la vostra startup
  • il sistema di valutazione tiene conto della fase di sviluppo dell'azienda e della sua gestione
  • il CEO riceve un certificato riconosciuto che gli permette di evidenziare i punti di forza della sua attività
  • l'appaltatore scopre alcuni punti deboli che può migliorare
  • al di sotto di un punteggio inferiore a 60 su 100, si hanno 6 mesi di tempo per lavorare sugli assi da migliorare e richiedere nuovamente il punteggio

Per un punteggio superiore a 60, si aprono delle porte: 250 responsabili degli acquisti digitali e 200 fondi d'investimento e family office vengono automaticamente informati del potenziale della startup e del suo eccellente grado di maturità.

Consiglio #8: contattare le società di private equity

Queste aziende private hanno la capacità di sbloccare fondi di private equity molto grandi, fino a milioni di euro.

Quando investono nella vostra azienda, acquistano quindi azioni della vostra società. L'obiettivo principale di questi investitori privati è quello di realizzare guadagni in conto capitale attraverso la vendita delle loro azioni, che saranno aumentate di valore, il più delle volte entro 5 anni.

Le società di private equity investono quindi solo in progetti ad alto potenziale di sviluppo. Sono molto esigenti in termini di criteri di selezione e risultati finanziari e richiedono informazioni regolari.

È possibile ottenere fondi di private equity :

  • Sotto forma di capitale di rischio in fase di seed stage: il socio finanziatore si assume un rischio elevato perché voi state iniziando la vostra attività e non avete ancora imposto la vostra offerta sul mercato. I fondi devono permettervi di finanziare e lanciare il vostro progetto;
  • Sotto forma di capitale di sviluppo: l'investitore viene a sostenere un'azienda già redditizia. I fondi raccolti sono poi destinati a sostenere la crescita dell'azienda per finanziare uno sviluppo su più ampia scala, come la diversificazione dell'offerta di prodotti o servizi, l'aumento del team di vendita, ecc.

Questo ambiente ha regole e codici specifici: si consiglia vivamente di farsi accompagnare da un esperto prima di contattare questi investitori privati.

Consiglio #9: Negoziare un prestito con una banca

Le banche aiutano gli imprenditori a finanziare i loro progetti: in cambio del credito che concedono, vengono remunerati con gli interessi, che devono essere anch'essi rimborsati.

Prima di rivolgersi ad una banca, è consigliabile ottenere le migliori condizioni per ottenere un prestito bancario:

  • fornire garanzie personali,
  • non agire personalmente come garante, per evitare di perdere tutto in caso di fallimento.

Le banche sono gli investitori privati che si assumono il minor rischio possibile. Un banchiere vi dirà senza dubbio che non si finanzia un'attività come si finanzia un'auto.

L'imprenditore saggio andrà in banca con un solido caso finanziario: deve far capire alla banca che è un'occasione investire nella loro attività e non il contrario...

Consiglio #10: essere ben preparati prima di agire

Prima di tutto, la stesura del vostro business plan è fondamentale. Deve includere tutti gli argomenti e le cifre che dimostrano la fattibilità e il potenziale del vostro progetto:

  • lo stato del vostro mercato e il motivo per cui è vivace
  • lo studio della concorrenza nel vostro mercato
  • la value proposition, come vi distinguete dalla concorrenza
  • gli ostacoli sul vostro cammino
  • la vostra strategia di mezzi, con un piano d'azione preciso
  • i vostri beni, rappresentati dal vostro team, dai vostri collaboratori, dalla vostra tecnologia, ecc..
  • le vostre previsioni di vendita
  • le vostre previsioni finanziarie, il vostro flusso di cassa
  • la curva di crescita che si prevede.

Se i numeri parlano da soli, conta anche la forma del vostro business plan: rivela l'intelligenza, lo spirito e l'attenzione del leader, il pilota ai comandi di un razzo che deve decollare per raggiungere la luna.

In secondo luogo, dovete sapere come mettervi nei panni di un investitore e pensare come farebbe lui.

Il terzo punto da tenere a mente è che non bisogna vendere la pelle d'orso prima di averla: bisogna tenere la testa sulle spalle e valutare le previsioni più basse, piuttosto che cadere da una posizione molto alta nel momento fatidico.

Un altro errore comune degli imprenditori è quello di ignorare o dimenticare le spese di marketing, che sono essenziali per lo sviluppo del business. Questa spesa dovrebbe essere anticipata e considerata come un investimento che dovrebbe fruttare clienti, vendite e profitti.

Selezione software

Webmecanik

Webmecanik
Soluzioni di marketing in Cloud per un marketing relazionale
Visit Website
Vai alla scheda

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda

N2F

N2F
Dematerializzazione e conservazione a norma delle note spese
Prova Gratuita
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento