La fattura per il regime forfettario: modello word

di Giorgia Frezza, il 29/04/21
modello-fattura-regime-forfettario

Modello fattura regime forfettario: come si compila su word? Quali sono i dati da inserire? Quali sono le convenzioni da rispettare? Diventa facile sbagliarsi se non siete un esperto contabile!

Se queste domande vi frullano per la testa e non sai come darti una risposta, seguici nella lettura di questo articolo. In esso troverai tutte le informazioni necessarie per la compilazione del modello word per la fattura per il regime forfettario. Ti accompagniamo passo passo nella sua redazione. Inoltre troverete a vostra disposizione un modello precompilato che potrete modificare in base alle vostre esigenze.

La compilazione della fattura 2021 per il regime forfettario in Word

La compilazione di una fattura per i contribuenti forfettari è un’operazione davvero facile e poco complessa.

La prima tappa da svolgere è l’inserimento dei seguenti dati:

  • numero e data fattura
  • dati del soggetto emittente e del cliente
  • descrizione della prestazione o dei beni e servizi venduti
  • importo fattura

In seguito bisogna aggiungere la seguente scritta:

"Operazione effettuata ai sensi dell'articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 - Regime Forfettario - così come modificato dalla Legge n. 208/2015. Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d'acconto ai sensi dell'articolo 1, comma 67, della Legge n. 190/2014".

Il terzo passaggio consiste nell'aggiunta di una marca da bollo da 2 euro, nel caso in cui l’ammontare della fattura superi i 77,47 euro.

Le scritte da inserire nella fattura per i forfettari

Abbiamo già citato una delle diciture da apporre nel modello per la fattura dei forfettari. Ma occorre essere più specifici e indicare tutto quello che dovete seguire seguendo la normativa imposta per la legge per evitare le semplificazioni ai fini IVA e sui vantaggi a livello fiscale delle imposte.

Nel dettaglio, esistono 3 diciture che indicano la situazione particolare in caso di regime forfettario:

  • l’assenza dell’applicazione dell’IVA
  • l’apposizione della marca da bollo
  • l’operazione non soggetta a ritenuta d’acconto

Dicitura per l’assenza dell’applicazione dell’IVA

I contribuenti forfettari devono specificare che sulla fattura non è stata applicata l’Iva perchè i forfettari non sono obbligati a pagare l’IVA. Per comunicare correttamente questo fattore, la dicitura da inserire è la seguente:

“Operazione senza applicazione dell’IVA, effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, l. n. 190 del 2014 così come modificato dalla l. n. 208 del 2015 e dalla l. n. 145 del 2018”.

Siete tenuti a scrivere questa dicitura se volete che la vostra fattura sia considerata in regola.

Vi consigliamo di riportare la dicitura nella sezione apposita per il riepilogo dell’IVA: in questo modo, il cliente o il destinatario finale potrà vedere subito la dicitura e capire che la fattura non è soggetta ad IVA.

Dicitura per l’apposizione della marca da bollo

Affinché la fattura sia ritenuta valida ai fini fiscali, bisogna apporre una marca da bollo di 2 euro se la cifra della fattura è superiore a 77,47 euro. Per comunicare al cliente dell’avvenuto pagamento della marca da bollo, bisogna inserire questa dicitura:

“Imposta di bollo da 2 euro assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro”.

Di solito, nel modello word è meglio inserire la dicitura nella sezione note, dove vengono raccolte tutte le informazione supplementari inerenti alla fattura in questione.

Dicitura per operazioni in cui non è richiesta la ritenuta d’acconto

Nel regime forfettario, la ritenuta d’acconto non è presente. Quindi, non deve essere presente nelle fatture che redigete e non deve essere applicata ai vostri clienti. Per specificare questa condizione particolare, la dicitura è la seguente:

“operazione non soggetta a ritenuta alla fonte a titolo di acconto ai sensi dell’articolo 1, comma 67, l. n. 190 del 2014 e successive modificazioni”.

Questa dicitura è fondamentale non solamente per i contribuenti che sottostanno al regime forfettario, ma anche per i fornitori e i clienti. Infatti, questi ultimi, nel caso di redazione di fattura nei confronti dei forfettari, non dovranno inserire la ritenuta d’acconto.

In conclusione, le diciture che non devono essere tralasciate riguardano due campi in particolare:

  • ADEMPIMENTI IVA

    I contribuenti che aderiscono al regime forfettario e dei minimi non sono soggetti agli adempimenti dell’IVA. Per questo motivo, durante la compilazione della fattura, la sezione che riguarda l’IVA non è mai presente.

  • DESCRIZIONE SPECIFICA DA APPORRE IN FATTURA

    I contribuenti che aderiscono al regime forfettario e dei minimi devono riportare all’interno della fattura gli articoli e le leggi che stabiliscono che questo due tipi di regimi particolari sono esonerati dal pagamento dell’IVA e della ritenuta d’acconto.

Adesso avete a disposizione tutte le informazioni per creare una fattura per il regime forfettario. Noi vi forniremo un fac simile in formato excel che potrete modificare in base alle vostre esperienze.