Ferie dipendenti: tutto quello che vi serve sapere

FERIE DIPENDENTI

L’estate si avvicina e con essa la maggior parte dei dipendenti si godrà un meritato periodo di riposo in ferie. Ma prima di preparare le valigie e immaginarsi sulla spiaggia in completo relax dobbiamo fare un piccolo recap.

Cosa dice la legge in merito alle ferie dipendenti? Quante ne abbiamo, come maturano e soprattutto chi decide in merito al periodo di assenza.

Infine vi troverete qualche soluzione che potrebbe aiutarvi a gestire le ferie in azienda in modo tale da coordinarvi al meglio e a non trovarvi in situazioni di Emergenza operativa.

Selezione software

monday.com

monday.com
La piattaforma più intuitiva per gestire progetti e squadre
Visita il sito
Vai alla scheda

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda

Kizeo Forms

Kizeo Forms
Utilizza un'unica soluzione e approfitta di molti vantaggi!
Visit Website
Vai alla scheda

Le origini del diritto alle ferie

Ebbene si, innanzitutto bisogna cominciare sottolineando come le ferie siano un diritto appartenente ai lavoratori dipendenti per preservare lo stato psicofisico. D’altro canto, bisogna comunque tenere presente che lavoratori autonomi, liberi professionisti e stagisti non ne godono.

Ferie dipendenti quadro giuridico

Tendenzialmente, la durata minima delle ferie retribuite è indicata dalla legge dei differenti paesi con eccezione degli Stati Uniti in cui la legge non impone un minimo legale.

Per quanto riguarda il caso italiano abbiamo differenti riferimenti normativi.

  • Livello europeo: la Direttiva 2003/88/CE stabilisce il limite legale di quattro settimane di ferie retribuite e che non può essere corrisposta un’indennità monetaria sulle ferie non godute.
  • Costituzione italiana: L’articolo 36 stabilisce il diritto personale e inalienabile alla ferie alle quali il lavoratore non può rinunciare.
  • Codice civile: in linea con le altre fonti prevede le quattro settimane minime che possono essere aumentate con la contrattazione collettiva. Per quanto riguarda i giorni supplementari di ferie retribuite il dipendente può farsele liquidare economicamente.

Inoltre, è obbligatorio che almeno due settimane di ferie vengano richieste consecutivamente e che le ferie annuali vengano sfruttate entro i 18 mesi dalla loro maturazione.

Interruzione ferie

Purtroppo, a volte, pur non volendolo è necessario richiamare i lavoratori da tali periodi di ferie. Questa possibilità che viene data ai datori di lavoro è ovviamente strettamente regolamentata per evitarne abusi. Infatti, per comprovate esigenze aziendali che possono minacciare l’operatività aziendale il datore di lavoro può richiamare il dipendente in servizio ma in tutto ciò rimborsando le spese per il viaggio.

Malattia durante le ferie

“Non succede ma se succede...”. Ebbene si può capitare che un dipendente nel pieno delle sue vacanze si ritrovi ammalato e di conseguenza non esattamente in condizione di fruire delle ferie. Cosa dice il diritto in questa fattispecie sull’interruzione delle ferie?

  • Malattia: in caso la malattia durasse più di 3 giorni o ci fosse un ricovero ospedaliero è possibile richiedere la conversione dei giorni di ferie perse in giorni di malattia
  • Malattia di un figlio: stessa regola se il figlio del dipendente viene ricoverato in ospedale durante il periodo di ferie

Attenzione quando si è all’estero. Infatti, per giustificare un permesso per malattia è necessario un certificato medico ma quando varchiamo i confini nazionali le cose non sono sempre le stesse. Prima di partire è sempre necessario dotarsi di tutta la certificazione medica estera necessaria per poter giustificare al proprio datore di lavoro la situazione.

Cosa fa maturare le ferie e cosa no

Di regola tutti sappiamo che ogni giornata lavorativa consente ogni anno di maturare delle ferie che possono essere fruite. Ma non è tutto bisogna tenere conto di altre situazioni di cui si tiene conto di assenza che non ne interrompono la maturazione:

  • Il periodo di maternità obbligatorio
  • Le ferie
  • Infortuni e malattie
  • I permessi per i disabili o per l’assistenza di un parente disabile

Piano ferie chi decide e come funziona?

Il piano ferie si riferisce sia al periodo di ferie maturato ma anche e soprattutto alla programmazione ferie. Se da un lato un dipendente capisce che il proprio dipendente necessita di vacanze è riposo bisogna anche tenere conto che l’azienda deve continuare la sua attività. Ragion per cui, soprattutto in periodi in cui le assenze sono tante (come d’estate e a natale) è necessario programmare le ferie al meglio per poter evitare disservizi.

Tendenzialmente la gestione di queste attività è lasciata ai responsabili risorse umane ma vi ricordiamo che la legge stabilisce che l’ultima parola spetta ad ogni caso al datore di lavoro, il quale ha il diritto di rifiutare una richiesta da parte del dipendente.

Ovviamente scatta la questione del: come fare a gestire un piano ferie per evitare sovrapposizioni nelle assenze? escludiamo soluzioni come word o carta direttamente. Excel può essere un buon metodo. Infatti, permette di creare una tabella per avere una migliore visuale del personale assente.

In ogni caso, da appassionati software quali siamo ad appvizer, non possiamo non dirvi che Excel è un po’ troppo manuale e che vi lascia un grande margine di errore.

 

Perchè non semplificarsi la vita? ci sono software come Dipendenti in Cloud o Factorial HR che vi consentiranno di integrare tutte le funzionalità legate alle risorse umane all’interno di un unico software. In alternativa, se preferite uno strumento più focalizzato Fluida è uno strumento fortemente incentrato alla gestione ferie.

Preparate le valigie e godetevi le vacanze!

Ora che avete tutto chiaro potrete finalmente godervi un meritato riposo. E voi, manager HR o datori di lavoro approfittate di questi strumenti per gestire tutta la questione congedi in maniera più facile e rapida in modo da poter partire anche voi in vacanza e a cuor leggero.

Selezione software

N2F

N2F
Dematerializzazione e conservazione a norma delle note spese
Prova Gratuita
Vai alla scheda

Finom

Finom
La soluzione di fatturazione elettronica
Provalo per €0
Vai alla scheda

Wrike

Wrike
Un affidabile software di project management
Inizia gratis
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento