L’empowerment, uno strumento per unire crescita e benessere

empowerment

L'empowerment (organizzativo) è sempre più considerato dalle aziende come una soluzione per aumentare la loro produttività e motivare i dipendenti.

È un tipo di gestione particolarmente efficace nel dare una ragion d'essere professionale, rimettendo le persone al centro dell'organizzazione grazie a più potere e autonomia.

Va detto che il mondo degli affari sta attraversando una vera e propria crisi da diversi anni. Vediamo sempre più casi di "brown-out", una sindrome da burnout con gli stessi sintomi di un burn-out. La persona non vede l'interesse del suo lavoro e perde ogni motivazione e produttività.

Che cos'è l'empowerment organizzativo? Cosa comporta? Come si può mettere in atto l'empowerment? Quali sono i benefici per l'azienda, i dirigenti e i dipendenti?

Rispondiamo a tutte le vostre domande e vi diamo i nostri migliori consigli su come integrare l'empowerment nella vostra azienda. 

Selezione software

monday.com

monday.com
La piattaforma più intuitiva per gestire progetti e squadre
Visita il sito
Vai alla scheda

N2F

N2F
Dematerializzazione e conservazione a norma delle note spese
Prova Gratuita
Vai alla scheda

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda

Che cos'è l'empowerment?

Empowerment significa dare più potere agli individui.

Spesso tradotto come "empowerment", "autonomizzazione", "capacità", o anche "potere d'azione", questo termine non ha in realtà una traduzione perfettamente accurata perché in inglese, empowerment implica sia la nozione di potere, ma anche quella di un processo di apprendimento per accedervi.

Definizione di empowerment

Empowerment significa creare condizioni di lavoro in cui i dipendenti acquisiscono il potere di prendere iniziative e sfruttare appieno il loro potenziale per generare valore per l'azienda.

Questa definizione ci permette di comprendere la complessità e le sfide che comporta il concetto di empowerment, che può avere un impatto benefico sull'intera azienda.

L'empowerment rivoluziona l'organizzazione e la cultura aziendale

Fino a poco tempo fa, l'approccio organizzativo più comune era "dall'alto verso il basso".

Benefici empowerment

©️ Shutterstock

Basata sulla produttività salariale, che è guidata da processi lavorativi che i dipendenti devono solo svolgere, lascia poco spazio alla sperimentazione.

L'integrazione dell'empowerment in azienda implica il passaggio a un modello bottom-up, dal basso verso l'alto. Perché?

Perché oggi un'azienda deve essere reattiva, flessibile e innovativa per rimanere competitiva, il che è quasi impossibile se questo movimento permanente e queste iniziative non provengono dai dipendenti. La potenza dell'informazione sul campo, unita alla capacità di prendere decisioni rapide in linea con una chiara e nota visione aziendale, è efficace nel far muovere le cose.

Inoltre, più che un semplice tipo di gestione, l'empowerment deve essere parte integrante della cultura aziendale per poter funzionare pienamente.

Deve essere parte di una rivoluzione globale nell'azienda dove tutti sono impregnati di una forte cultura aziendale, dove l'empowerment diventa quasi un'arte di vivere, una filosofia.

Le 3 condizioni di empowerment: visione aziendale, autonomia e proprietà

Una chiara visione aziendale

 

Empowerment vision aziendale

©️ Shutterstock

Perché è essenziale avere una vision aziendale chiara per tutti prima di implementare l'empowerment?

La vision aziendale permette ad un'azienda di comunicare le proprie aspirazioni e di dare una direzione per muoversi.

Conoscere la vision, permette ai dipendenti di prendere decisioni rapide e informate e di sviluppare un senso di appartenenza in cui tutti lavorano verso un obiettivo comune.

In definitiva, una vision aziendale ben definita rende i vostri dipendenti più efficienti e motivati.

Ecco alcuni modi per definirla:

  • coinvolgere i dipendenti nel suo sviluppo. Sarà più preciso grazie alla loro visione aziendale e permetterà loro di aderire e di impegnarsi in modo ancora più significativo;
  • stabilire una visione a medio termine, tra i 2 e i 5 anni. Ciò consentirà di perfezionarlo o di rivederlo regolarmente;
  • trovare il giusto equilibrio tra realtà e ottimismo per proporre una vision realizzabile e motivante;
  • rispettare i valori e la mission dell'azienda;
  • definire obiettivi S.M.A.R.T. (specifici, misurabili, accettabili, realistici e definiti nel tempo), pochi in numero e soprattutto chiari.

Esempi di visioni aziendali :

  • per raggiungere 750.000 euro di fatturato sul mercato francese entro 2 anni;
  • ottenere la certificazione ISO9001 prima della fine dell'anno;
  • aumentare la soddisfazione dei clienti del 20% entro il 2022.

Responsabilizzare i dipendenti

Da anni la tendenza nell'organizzazione del lavoro nelle aziende è quella di implementare processi sempre più dettagliati e complicati per essere più produttivi, lasciando spesso sempre meno spazio all'autonomia e al processo decisionale.

Con l'empowerment, è possibile tornare indietro nel tempo creando autonomia per i propri dipendenti.

empowerment autonomia

©️ Shutterstock

Che importanza ha?

Per poter prendere decisioni e agire, un dipendente deve avere sufficiente libertà d'azione.

Dare autonomia significa anche trasmettere al dipendente il messaggio che ha le capacità, le competenze e l'intelligenza per organizzare il proprio lavoro in modo da raggiungere gli obiettivi prefissati.

È una vera e propria promessa di fiducia che dà la sensazione di essere apprezzato e utile all'azienda, e dà il desiderio di essere più coinvolti.

Quando si vuole dare autonomia, bisogna determinare in anticipo un quadro di riferimento senza aumentare il carico di lavoro o dare troppe responsabilità. Un dipendente deve essere libero di commettere errori e di sperimentare, senza che questo abbia ripercussioni sul suo lavoro.

Garantire che l'empowerment sia appropriato in modo adeguato

applicazione empowerment

©️ Shutterstock

gni dipendente è diverso e non avrà la stessa capacità di appropriarsi di questa nuova autonomia autorizzata dall'empowerment.

A seconda di fattori quali la posizione gerarchica, il ruolo, il contesto aziendale, le competenze, l'esperienza e le attitudini personali, la facilità e la velocità di appropriazione variano.

È quindi necessario garantire che i vari attori si sentano a proprio agio con l'empowerment, che si sentano liberi e legittimati a mobilitare le loro competenze e a innovare per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Per fare questo, mettete in atto uno stile di gestione:

  • definire un quadro di riferimento in cui siano specificati i settori di competenza e di azione di ogni persona,
  • fornire i mezzi per raggiungere gli obiettivi (attrezzature, formazione, ecc.),
  • incoraggiare l'iniziativa, l'assunzione di rischi e il diritto di commettere errori,
  • fidarsi, facendo un passo indietro e delegando una parte della sua autorità,
  • riconoscendo gli sforzi fatti e congratulandosi con i successi,
  • misurare l'efficacia delle azioni che promuovono l'empowerment e adattarle in base alle necessità.

I vantaggi dell'empowerment

Se l'implementazione dell'empowerment in un'azienda richiede un processo di gestione del cambiamento che non è sempre facile, i benefici generati mostrano che il gioco vale la candela.

Scopriamo insieme i vari benefici che l'empowerment porta ai dipendenti, ai manager e all'azienda.

I benefici dell'empowerment per i dipendenti

Le prime persone ad essere influenzate positivamente da un tale cambiamento sono i dipendenti, che spesso trovano più vantaggi in questo tipo di organizzazione che nelle strutture più tradizionali.

empowerment benefici dipendenti

©️ Shutterstock

ra questi benefici ci sono principalmente :

  • una visione più positiva e umana del mondo del lavoro,
  • un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata,
  • realizzazione attraverso lo sfruttamento di tutto il proprio potenziale sfruttando le proprie conoscenze, esperienze e motivazioni,
  • migliore adattabilità, meno paura del cambiamento,
  • una buona autostima attraverso la fiducia e il riconoscimento delle competenze.

I vantaggi dell'empowerment per i manager

Non è sempre facile per un manager rivedere il suo modo di lavorare tendendo a più delega e meno potere.

come applicare l'empowerment

©️ Shutterstock

Grazie al loro ruolo di sostegno e sviluppo dei dipendenti, i manager esplorano una nuova dimensione del loro lavoro che è più educativa e orientata all'uomo.

Questo ruolo di mentoring può essere gratificante e spesso genera un senso di utilità.

I vantaggi dell'empowerment per l'azienda

Le aziende che hanno implementato l'empowerment all'interno della loro organizzazione in modo professionale hanno visto un'influenza positiva sulla performance complessiva della loro organizzazione.

Benefici empowerment azienda

©️ Shutterstock

Questo impatto positivo sulla crescita è reso possibile dal miglioramento dell'empowerment:

  • la valorizzazione dei talenti, per i quali è essenziale un ambiente di lavoro motivante, e in particolare per le generazioni Y e Z, le cui esigenze di libertà e di reattività sono meglio soddisfatte;
  • reattività all'agilità del mercato grazie a un contesto che favorisce la rapidità del processo decisionale;
  • la correttezza e la rilevanza delle decisioni adottate grazie a una chiara visione aziendale;
  • l'impegno del team che si sentono meglio integrati, considerati e soddisfatti;
  • l'immagine dell'azienda, perché i dipendenti che sono felici e orgogliosi di lavorare per la loro azienda ne parleranno bene al loro entourage, ai clienti, ecc;
  • l'impegno dei dipendenti, con molte meno assenze, giorni di malattia e burn-out.

Se ora ne siete convinti, vi state probabilmente chiedendo come attuare l'empowerment nella vostra organizzazione? Di seguito presentiamo le nostre migliori pratiche!

Come integrare con successo l'empowerment in 5 buone pratiche

Non esiste una ricetta miracolosa per integrare l'empowerment nella vostra azienda in modo efficiente, ma abbiamo individuato alcune buone pratiche da applicare.

Definizione di ruoli e missioni

La definizione di un quadro di riferimento permette a tutti di avere un ruolo ben definito e delle responsabilità associate, in particolare per evitare decisioni conflittuali e il lavoro inutile di più persone nella stessa missione.

Esempi concreti :

  • fare una valutazione completa delle competenze interne per utilizzare tutto il know-how. Questo permette di sfruttare una nuova abilità o di evitare di assegnare un ruolo che non può essere svolto per mancanza di un'abilità essenziale;
  • garantire che i dipendenti siano in sintonia con il loro nuovo campo d'azione;
  • idealmente integrarli nel processo in modo che esprimano ciò che possono contribuire o che vorrebbero fare.

Per saperne di più sulla valutazione delle competenze

Fornire i mezzi per raggiungere gli obiettivi

 

Dando maggiori responsabilità ai vostri dipendenti, è essenziale che essi abbiano gli strumenti e le competenze giuste per raggiungere i loro obiettivi.

Con questa ulteriore autonomia nel processo decisionale e nell'organizzazione del loro tempo di lavoro, potrebbero aver bisogno di strumenti di project mananagement, ad esempio. Inoltre, la formazione per sostenere lo sviluppo delle competenze necessarie per svolgere le loro missioni o per acquisirne di nuove può essere appropriata per contribuire in modo ancora più efficace allo sviluppo dell'azienda.

Esempi concreti :

  • Organizzare sessioni di formazione con un relatore o un dipendente con le competenze desiderate
  • Offrire l'accesso a una piattaforma di e-learning
  • Pianificare un certo numero di ore di formazione sull'orario di lavoro

Mettere in atto di un sistema di feedback

Avete molto da guadagnare dalla creazione di un sistema di feedback efficace.

Da un lato, è possibile recuperare informazioni commerciali preziose per la vostra azienda perché spesso riflettono la realtà del mercato.

D'altra parte, permette di misurare se questa nuova nozione di empowerment è ben integrata da ogni dipendente. Se questo non è il caso, si può allora sapere quali sono le esigenze e attuare azioni concrete per soddisfarle.

Esempi concreti :

  • fare degli incontri regolari con il manager (settimanalmente, bimestralmente o mensilmente) per scoprire come si sente e quali sono le sue esigenze;
  • la creazione di un sistema per la condivisione diretta e rapida di informazioni importanti da parte dei dipendenti tramite e-mail, chat o altri mezzi.

Stabilire la cultura dell'iniziativa e del diritto a commettere errori

Sanzionare o svalutare i vostri dipendenti per un obiettivo non raggiunto è controproducente per la vostra azienda.

Per poter correre dei rischi ed essere proattivi, i vostri dipendenti devono potersi sentire legittimati a dimostrare la propria leadership.

Bisogna dare valore all'assunzione di rischi e all'innovazione, perché è così che si impara. Incoraggiate quindi i vostri dipendenti a testare ciò che funziona e ciò che non funziona e a commettere errori: sono ricchi di insegnamenti.

Ecco alcuni esempi concreti:

  • Ringraziate, congratulatevi o ricompensate i vostri dipendenti quando si comportano bene;
  • quando un progetto non va come previsto, non esitate a prendervi il tempo di analizzare le ragioni e condividerle sotto forma di caso pratico per non ripetere la stessa cosa;
  • I leader, i responsabili delle Risorse Umane e gli altri manager possono prendere l'abitudine di ammettere quando uno dei loro test è stato inconcludente per sminuire il mito dell'errore fatale e trarne insegnamenti positivi e costruttivi.

Una politica di Change Management

Tutte queste buone pratiche consentono di attuare con successo l'empowerment.

Ma attenzione: non perdete di vista il fatto che l'empowerment è un grande sconvolgimento e che, come ogni cambiamento, merita di essere sostenuto.

Vi consigliamo di preparare la vostra strategia per il Change Management con diversi mesi di anticipo, facendo conoscere ai vostri dipendenti :

  • che cos'è l'empowerment,
  • come funziona,
  • questo cambierà,
  • cosa ci guadagnano loro e l'azienda,
  • quali azioni saranno intraprese,
  • cosa ci si aspetta da loro, e così via.

Questo può essere fatto attraverso ulteriori sforzi di comunicazione interna ben orchestrati.

Esempi concreti:

  • l'organizzazione di incontri introduttivi,
  • fare una campagna e-mail,
  • impostare una linea telefonica o degli slot per fare domande,
  • comunicare una FAQ,
  • impostare quiz per testare le proprie conoscenze sull'empowerment

Empowerment: un tipo di gestione piena di promesse

L'empowerment è un processo che consente ai dipendenti di trovare un senso al loro lavoro e all'azienda di poter contare su dipendenti più motivati, impegnati e produttivi.

Si tratta di un vero e proprio sconvolgimento che può portare molti benefici all'azienda e ai suoi dipendenti, a condizione che sia in atto una solida strategia di gestione del cambiamento.

Abilmente implementato e seguendo le buone prassi, è una formidabile leva per la crescita e l'impegno dei dipendenti.

E tu che mi dici? Avete già integrato l'empowerment nella vostra organizzazione? Avete visto dei miglioramenti? Sentitevi liberi di condividere la vostra esperienza nei commenti, saremo lieti di discuterne.

Selezione software

Finom

Finom
La soluzione di fatturazione elettronica
Provalo per €0
Vai alla scheda

noCRM.io

noCRM.io
Soluzione efficace di gestione dei lead per i commerciali
Provalo Gratis
Vai alla scheda

PayFit

PayFit
Pagare i vostri dipendenti non è mai stato così facile
Visit Website
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento