Programmi per newsletter: i migliori software per l'invio di mail

Consigli & programmi per newsletter di successo

email marketing consigli e software

Qual è la migliore strategia di marketing per inviare newsletter? Per trasmettere messaggi a grandi volumi di indirizzi e-mail, la campagna deve seguire le seguenti le regole: garantire una buona deliverability, rispettare le direttive GDPR, menzionare le informazioni aziendali obbligatorie, gestire le liste di contatti, tracciare il comportamento e misurare le prestazioni e i tassi di conversione.

Non c'è bisogno iscriversi a tutti i forum su Internet per trovare delle soluzioni a questi problemi. appvizer ha la giusta risposta per le vostre domande e ti consiglia dei programmi per creare una newsletter professionale!

Indice

Selezione software

Webmecanik

Webmecanik
Soluzioni di marketing in Cloud per un marketing relazionale
Visit Website
Vai alla scheda

OnCrawl

OnCrawl
Crawler tecnico SEO per aprire la scatola nera di Google
Inizia gratis
Vai alla scheda

Optima-CRM

Optima-CRM
Innovativo software immobiliare CRM e vincitore globale 2018
Ottieni una demo gratuita
Vai alla scheda

Programmi per inviare newsletter

Tabella comparativa delle soluzioni di emailing

La tabella seguente riassume le 3 soluzioni professionali per creare una newsletter:

Confronto di 3 soluzioni di email marketing per l'invio di posta in massa

Software Caratteristica principale Target

Newsletter2Go

Accessibile ed efficace

PMI fino a 250 dipendenti

Sendblaster

Facile e intuitivo

PMI e grandi imprese

Mailforce

Oltre le mail: social & staistiche

Grandi aziende

 Newsletter2Go : tutto ciò che manca a Mailchimp

Il software di e mail marketing Newsletter2Go permette a liberi professionisti, piccole imprese, PMI (fino a 250 dipendenti) e commercianti  di creare e inviare campagne di email marketing di qualità professionale.

La soluzione va oltre la famosa Mailchimp offrendo ,ad esempio, una segmentazione avanzata dei contatti, la pulizia automatica della banca dati dei contatti e come il test A/B in base all'oggetto dell'e-mail.

I vantaggi di Newsletter2Go per l'invio massivo di email:

  • un editor html facile da usare con drag and drop,
  • modelli di posta elettronica appealing e reattivi progettati per lanciare rapidamente campagne promozionali,
  • codici di monitoraggio per valutare le prestazioni di ciascun destinatario,
  • comunicazione con CMS e-commerce come Magento o Prestashop,
  • Interoperabilità con strumenti di crm come Sugarcrm, Salesforce,
  • la possibilità di assegnare un punteggio (rating) agli abbonati e di creare liste di contatti segmentati in base al comportamento dei destinatari,
  • test per verificare l'erogabilità delle campagne di emailing.

Se a questo argomento si aggiunge il fatto che c'è una versione free fino a 1.000 email al mese, non avete scuse per non testare lo strumento di emailing!

Sendblaster: soluzione di email marketing intuitiva

Sendblaster è uno strumento potente che permette di mettere insieme degli strumenti professionali in maniera rapida e intuitiva. Vi segue nella gestione newsletter passo a passo dalla creazione guidata delle mail (grazie anche ai template che mette a disposizione) all’analisi dei dati scaturiti dalla campagna.

Un aiuto nella gestione delle liste contatti con funzioni all’avanguardia.

Grazie alle funzioni di segmentazioni e programmazione invii è possibile inviare le mail al giusto target nel giusto momento.

Tra le altre funzioni di spicco:

  • Editor
  • Gestione immagini
  • Personalizzazione estrema delle mail (aggiunta calendar, tag programmabili, controllo dei link)
  • Segmentazione liste
  • Filtraggio
  • Istruzioni di invio

Se queste caratteristiche non sono state sufficienti, l’azienda mette a disposizione sia una versione gratuita che una a pagamento, non vi resta che provare!

 Mailforce: campagne emailing a 360°

Mailforce è un servizio di posta elettronica completo, dall’interfaccia user-friendly ed estremamente professionale. I contenuti vengono studiati per essere responsive quindi adatti alla visualizzazione da ogni display.

Grazie all’editor e ai template i messaggi di posta elettronica saranno perfetti in un batter d’occhio.

Questo software  è molto attento alle normative quindi sarà un alleato per non finire segnalati come spam- mandando in fumo gli investimenti per una campagna.

Tra le funzioni principali:

  • Gestione liste
  • Statistiche
  • Editor mail intuitivo
  • Condivisione social

Il software è in modalità SaaS con due modalità di pagamento possibili: a credito o tramite abbonamento. Se tutto ciò non è abbastanza l’alternativa è provare la demo gratuita.

9 cose da sapere prima di scegliere un programma per newsletter

#1: raccogliere gli indirizzi e-mail con il consenso

Dal 25 maggio 2018, la posta elettronica in massa in Europa deve essere conforme alla GDPR (General Data Protection Regulations): su richiesta del garante della privacy, l'autorità di controllo italiano, è necessario essere in grado di fornire la prova del consenso per quanto riguarda i dati cliente raccolti e le finalità del trattamento. È inoltre necessario fornire l'accesso ai dati ai propri utenti abbonati, i quali devono poter esercitare i propri diritti di modifica delle informazioni raccolte, cancellazione o portabilità dei propri dati.

Il metodo "opt-in" diventa quindi obbligatorio in BtoC, ed è fortemente raccomandato in B2B anche se il principio dell'interesse legittimo consente l'opt-out in B2B.

# 2: le note legali obbligatorie

I vostri iscritti devono essere in grado di leggere chiaramente le seguenti informazioni su ciascuna delle vostre e-mail:

  • Informazioni sulla vostra azienda, cioè i dati di contatto del mittente,
  • Lo scopo dell'e-mail che gli è stata inviata,
  • Un link per annullare l'iscrizione / annullare l'iscrizione,
  • Un link per accedere e gestire le informazioni (modifica, cancellazione, portabilità),
  • Un link per vedere la newsletter online; alcuni indirizzi email bloccano la visualizzazione completa del tuo messaggio.

# 3: obiettivo di deliverability e zero spam

Il mittente deve controllare la deliverability delle e-mail inviate in massa per non incappare nel rischio di danneggiare la sua reputazione di mittente, di essere inserito in una lista nera da un filtro antispam e di perdere la fiducia dei destinatari.

# 4: gestire le vostre liste di contatti per raggiungere un target migliore

La gestione della lista dei contatti è essenziale in più di un modo, perché ti permette di :

  • evitare duplicati e inviare la stessa e-mail due volte alla stessa persona,
  • stabilire liste email in base agli interessi creando una sorta di linea tematica,
  • segmentazione in base ai profili dei clienti,
  • indirizzare meglio i messaggi e migliorarne l'efficacia.

# 5: un chiaro messaggio di marketing

Dall'oggetto della vostra email, devono essere chiare le intenzioni ed evitate parole spam proibite dagli ISP (Internet service provider) che danno la caccia allo spam (gratuito, miracolo, denaro, sessuale, urgente, ecc.).

La segmentazione e la personalizzazione delle liste di contatti permette di inviare il contenuto giusto alla persona giusta al momento giusto: massimizza le prestazioni della campagna email di massa adattandola agli interessi dei destinatari, alla loro maturità nel processo di acquisto, alle loro abitudini di acquisto e di navigazione, alle loro abitudini e al momento giusto per aprire l'email.

# 6: creare un design reattivo

Il design di email responsivo consiste nel rendere la e-mail leggibile su qualsiasi dispositivo, indipendentemente dalle dimensioni dello schermo: smartphone, computer, tablet. Un gran numero di e-mail vengono consultate su schermi di varie dimensioni. È quindi essenziale creare e pensare ai messaggi di posta elettronica in termini di design reattivo.

 #7: utilizzare un editor HTML

Un editor email HTML è una soluzione informatica che ti permette di progettare e correggere un documento HTML, cioè la pagina web corrispondente alla tua email.

L'editor permette di personalizzare tutto: testo, immagini, template, link, rendering grafico, ecc. A seconda del livello di competenza, potete codificare tutto a mano, oppure affidatevi a una soluzione professionale di emailing che che vi protegge da errori tecnici, fornendovi al contempo modelli di email o funzionalità avanzate per massimizzare il ritorno sull'investimento in un alto volume di invio di email.

# 8: seguire le vostre spedizioni

È necessario impostare collegamenti specifici per misurare i comportamenti di ciascun destinatario ed eseguire report sulle prestazioni.

Ogni link nel corpo dell'email ha un codice di tracciamento che rileva le azioni intraprese dall'utente che riceve la mail.

È interessante impostare diversi indicatori di performance (KPI) come :

  • il tasso di clic su ogni link,
  • il tasso di trasferimento da un'e-mail a un contatto del destinatario,
  • il tasso di cancellazione dell'e-mail inviata,
  • il tasso di apertura dell'e-mail,
  • le pagine web visitate a seguito di clic, ecc.

# 9: Campagna di email marketing gratuita, una falsa buona idea

L'invio di posta di massa con Gmail o Outlook non è raccomandato:

  • Google fissa un limite di 500 email al giorno per evitare lo spam,
  • ti strapperai i capelli in termini di creazione di link di localizzazione,
  • questa pratica non è professionale, perché la vostra azienda non viene autenticata come mittente.

 

Non dimenticate: content is king

Ultimo, ma non per importanza, il contenuto. Vi abbiamo detto tutti i trucchi per gestire al meglio le campagne di email marketing e come renderle il più profittevoli possibili senza incorrere nella trappola “filtro spam”. In chiusura vi lasciamo un’infografica su come creare al meglio un valido contenuto per le vostre mail.

content is king email marketing newsletter

(Fonte: Pinterest)

Selezione software

Finom

Finom
La soluzione di fatturazione elettronica
Provalo per €0
Vai alla scheda

Wrike

Wrike
Un affidabile software di project management
Inizia gratis
Vai alla scheda

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento