FoodTech: le startup italiane portano l'innovazione a tavola

FoodTech, come mettere insieme alimentazione e innovazione

foodtech

FoodTech... ma cosa c'è dietro quella parola stravagante?

Nessuno può ignorare che sempre di più le questioni che circondano ciò che mangiamo, e come lo mangiamo, occupano oggi un posto predominante nella nostra vita e sollevano molti interrogativi.

Di conseguenza, le questioni legate al nostro cibo hanno portato alla nascita di nuove iniziative, a livello sociale, economico e tecnologico.

È quindi normale, in un contesto di questo tipo, e in particolare in Italia dove la gastronomia made in Italy è fa parte della nostra cultura, vedere lo sviluppo di una rete di startup che lavorano nell'industria alimentare.

Ma cos'è esattamente FoodTech? Quali sono gli esempi di startup che si sono distinte in questo settore? E come può evolvere questo ecosistema per continuare ad attrarre imprenditori, investitori... e naturalmente consumatori?

Ok, se avete già l’acquolina in bocca siete pronti per l’articolo.

Menu del giorno:

Selezione software

OnCrawl

OnCrawl
Crawler tecnico SEO per aprire la scatola nera di Google
Inizia gratis
Vai alla scheda

N2F

N2F
Dematerializzazione e conservazione a norma delle note spese
Prova Gratuita
Vai alla scheda

monday.com

monday.com
La piattaforma più intuitiva per gestire progetti e squadre
Visita il sito
Vai alla scheda

Definizione di Startup FoodTech

FoodTech si riferisce a tutti gli attori economici che associano le nuove tecnologie alle attività del settore alimentare nel suo complesso.

L'obiettivo di queste aziende e di altre startup è quello di mettere gli sviluppi tecnologici al servizio delle problematiche attuali che ruotano attorno al cibo.

Tuttavia, il compito non è semplice, poiché il campo si trova ad affrontare sfide sempre maggiori.

  • Come possiamo mangiare meglio?
  • Come possiamo valorizzare i nostri piccoli proprietari e sostenerli nell'ottimizzazione delle loro attività?
  • Quali cambiamenti possiamo apportare alla nostra dieta per nutrire una popolazione mondiale in crescita esponenziale?

Poiché queste sfide sono numerose, negli ultimi anni il FoodTech ha messo il piede sull’acceleratore. D’altronde secondo Talent garden:

Gli investimenti in Europa sono raddoppiati negli ultimi due anni, passando da 900 milioni nel 2018 per 353 deals a 2,4 miliardi di euro per 271 deal nel 2019.

L'obiettivo del programma è quello di sostenere gli attori interessati, dalle startup ai grandi gruppi e alle PMI, nello sviluppo del loro business e nell'accelerazione della loro crescita.

Ecosistema della FoodTech

Principalmente composto di startup, FoodTech copre tutte le missioni legate alla catena alimentare, dalla produzione al consumatore finale, passando per la trasformazione e la distribuzione.

Di conseguenza, il suo campo d'intervento è tradizionalmente suddiviso in 6 aree.

AgriTech

Le aziende e le startup AgriTech utilizzano la tecnologia e le innovazioni digitali per sostenere direttamente l'agricoltura.

Lavorano per migliorare la produzione, sia in termini di resa che di qualità.

Ad esempio, le attività di AgTech comprendono :

  • l'uso di droni e robot per sollevare gli agricoltori dai compiti manuali;
  • lo sviluppo di software di gestione delle aziende agricole per aiutare gli agricoltori a razionalizzare le loro attività;
  • la considerazione e la realizzazione di fattorie urbane, ecc.

La storia di Agrobotica

Fondata a Siena nel 2017, questa startup si occupa di sistemi di monitorazione e farming di precisione. Tra le sue creazioni Spyfly che permette di fotografare e trasmettere informazioni sugli insetti nocivi.

FoodScience

Gli attori di FoodScience intervengono direttamente a livello del cibo stesso, così come del materiale utilizzato per prepararlo.

Con l'obiettivo di rispondere alle attuali questioni ecologiche e sanitarie, il FoodScience offre diverse alternative:

  • i cibi del futuro, rompendo con la nostra dieta tradizionale (gli insetti per esempio);
  • la creazione di sostituti dei pasti destinati a soddisfare le esigenze nutrizionali dell'uomo, ecc.

Vediamo le ricette di Italbugs

Bene, i fondatori di Italbugs oggi ci propongono un aperitivo a base di grilli. No, non scherziamo. Infatti, nel 2009 sono stati la prima impresa italiana a cominciare un’attività di commercializzazione di insetti come alimenti. Addirittura nel 2015 all’Expo di milano hanno presentato un panettone in farina di baco da seta, all’interno di una collaborazione con altri gruppo. Può essere che tra 10 anni l’aperitivo avrà un altro aspetto.

FoodService

Il FoodService è interessato al settore della ristorazione. L'obiettivo di queste aziende è quello di migliorare sia la qualità del servizio per il consumatore sempre più esigente e connesso, ma anche di proporre offerte B2B per supportare i ristoratori nell'esercizio della loro professione.

Tra gli esempi di tali iniziative vi sono i seguenti:

  • piattaforme di prenotazione online sviluppate per facilitare la scelta e le procedure del cliente e per proporre offerte commerciali in parallelo;
  • software per assistere i ristoratori nella gestione delle varie attività del loro stabilimento;
  • servizi di chef a domicilio per privati e/o aziende, ecc.

Un modo semplice per ridurre lo spreco alimentare

La startup Too Good to Go fa notizia da tempo. E non a caso : la sua offerta permette a ristoranti e supermercati di evitare di gettare inutilmente cibi ancora mangiabili.

Tutto quello che devono fare è creare e vendere ai consumatori registrati sull'applicazione un cestino a sorpresa contenente i loro articoli invenduti che sono ancora consumabili. In questo modo i ristoratori trasformano le loro perdite in guadagni e fanno un gesto a favore dell'ecologia e della responsabilità alimentare.

Coaching

In un contesto in cui mangiare meglio è diventata una delle principali preoccupazioni per molti individui, alcuni player della FoodTech hanno scommesso per sostenere i consumatori nell'impostare la loro routine alimentare e raggiungere i loro obiettivi personali.

Le missioni di queste aziende di coaching alimentare ruotano, ad esempio, intorno a :

  • Nutrigenomica, il cui obiettivo è quello di migliorare la dieta di un individuo correlando gli alimenti con il loro genotipo;
  • La proposta di ricette adattate alle abitudini di consumo e agli stili di vita per ripristinare il gusto della cucina, ecc.

Il vostro coach digitale: Feat Food

Questa startup data 2015 a Lecce si pone come “ristorante digitale”. Si tratta di uno strumento che permette di scegliere un particolare regime alimentare in base ai propri bisogni e di ricevere a casa tutto l’essenziale per sapere cosa mangiare in ogni momento.

Food Delivery

Questo è uno dei settori che si è distinto maggiormente nella corsa per FoodTech reinventando il servizio di consegna dei pasti.

Le attività relative alla consegna includono :

  • la consegna dei pasti da parte dei ristoranti, che negli ultimi anni ha ampliato il suo raggio d'azione offrendo ogni tipo di specialità;
  • servizi di consegna dei pasti in scatola, con una varietà di temi come il tè, i prodotti del mondo, il formaggio, ecc;
  • I mercati che offrono nuovi servizi per rompere con gli abituali modelli di consumo, come le vendite dirette da parte dei produttori locali, ecc.

La consegna rapida di Glovo

Crezione spagnola del 2014, Glovo è una tra le più importanti startup di Delivery. Basti pensare che in 6 anni si è diffusa in più di 20 paesi tenendo testa ad altri concorrenti agguerriti come Deliveroo e Justeat.

Vendita al dettaglio

Il settore Retail nel settore FoodTech si occupa principalmente di sviluppare tecnologie digitali innovative per la produzione, conservazione, lavorazione, confezionamento, controllo ad esempio intervenendo:

  • sull'implementazione di azioni di marketing più in linea con le mutevoli aspettative dei consumatori, e sul loro percorso dei clienti più omnicanale;
  • ottimizzare i processi della catena di fornitura al fine di aumentare la produttività e la competitività.

Esempio di Retail

Ixon ha sviluppato una per una migliore conservazione del cibo in modo da poterlo spedire in maniera più sicura.

Grazie all'utilizzo di questo strumento tutti i flussi di lavoro, dal produttore al centro logistico attraverso gli acquirenti, sono fluidi e snelliti.

News FoodTech

Tendenze in FoodTech

Con tutti questi esempi ispiratori di startup innovative, non si può che gioire e credere nel futuro di FoodTech. Anche le cifre parlano da sole:

Le aziende FoodTech hanno raccolto 20 miliardi di dollari in tutto il mondo nel 2019.

Fonte: rapporto AgFunder

Purtroppo nel mondo del FoodTech ci sono ancora molte disparità. Ci sono settori che stanno andando bene... e quelli un po' meno.

Tra i settori che attualmente vanno bene, ricordiamo il settore dei sostituti della carne, come dimostrano le storie di successo delle startup Beyond Meat and Impossible Foods.

Anche l'imprenditorialità legata alla nuova agricoltura o all'agricoltura urbana è in pieno boom. La società tedesca InFarm, ad esempio, ha raccolto 134 milioni di dollari nel 2019. Inoltre ha già unito le sue forze a quelle di alcuni grandi rivenditori, per sviluppare il suo concetto di azienda agricola verticale, dimostrando così una tendenza fondamentale: avvicinare la produzione alimentare alla casa è ancora un settore da valorizzare!

Settori che rallentano

Mentre i sostituti della carne e l'agricoltura urbana sono ancora promettenti, altri stanno lottando per emergere o si stanno esaurendo.

È il caso, ad esempio, della consegna a domicilio, che qualche anno fa ha visto moltiplicarsi la sua offerta. Ma di fronte alla crescente pressione competitiva e all'elevato costo dei servizi, della logistica e del marketing, il modello di business Delivery sta lottando per trovare la sua redditività. Alla fine, solo i giganti che sono riusciti a sostenere la corsa alla raccolta fondi e allo sviluppo sono riusciti ad avere successo... a scapito di aziende come Foodora.

Quali sviluppi per FoodTech?

Ci sono ancora molte sfide per le startup FoodTech.

Ovviamente la posta in gioco economica rimane alta, soprattutto per le startup italiane che devono recuperare il suo ritardo in termini di investimenti di venture capital ed Equity crowdfunding sugli altri paesi.

Inoltre, nel 2019, gli importi investiti nella FoodTech italiana non raggiungeranno quelli raccolti da altri giganti europei o della Silicon Valley come Delivery Hero, Hello Fresh e Deliveroo.

Inoltre, le nuove sfide legate al cibo non sono solo economiche. Sono sempre più orientate al consumo etico e alla realizzazione di nuovi circuiti ed ecosistemi, come dimostra il successo dei sostituti della carne o degli allevamenti verticali. Oggi più che mai, quindi, i consumatori sono alla ricerca di alimenti migliori e vogliono che noi soddisfiamo le loro esigenze in termini di tracciabilità, di vicinanza ai luoghi di coltivazione dei prodotti, di dieta vegetariana, ecc.

Ci sono quindi ancora diverse opportunità di business da cogliere nel settore FoodTech, per innovare, reinventare il nostro cibo e rendere questi cambiamenti una parte duratura della nostra vita quotidiana.

Selezione software

Kizeo Forms

Kizeo Forms
Utilizza un'unica soluzione e approfitta di molti vantaggi!
Free Trial
Vai alla scheda

Optima-CRM

Optima-CRM
Innovativo software immobiliare CRM e vincitore globale 2018
Ottieni una demo gratuita
Vai alla scheda

Finom

Finom
La soluzione di fatturazione elettronica
Provalo per €0
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento