Uscire dalla zona di comfort, il futuro è dietro la porta

zona di comfort

Sei un imprenditore, un dipendente, uno studente? la domanda che ci accingiamo ad affrontare riguarda assolutamente tutti: come si fa ad uscire a piccoli passi dalla propria zona di comfort?

Ti presentiamo diverse vie di riflessione, teorie, citazioni, ma anche consigli pratici su come saper osare, nella vita personale e professionale.

Come? Attraverso i nuovi strumenti collaborativi che ti aiuteranno a cambiare le tue abitudini malsane. Perché è un lavoro da fare su se stessi, ma con gli altri è più facile e più divertente!

Selezione software

Yousign

Yousign
La migliore soluzione per la firma elettronica dei documenti
Prenota una demo
Vai alla scheda

Wrike

Wrike
Un affidabile software di project management
Inizia gratis
Vai alla scheda

monday.com

monday.com
La piattaforma più intuitiva per gestire progetti e squadre
Visita il sito
Vai alla scheda

Un circolo virtuoso o un circolo vizioso?

La zona di comfort: definizione

La zona di comfort può essere descritta in diversi modi:

  • lo stato psicologico e/o situazione in cui ci si sente al sicuro e a proprio agio
  • tutte le vostre abitudini e i vostri comportamenti che rassicurano
  • tutto il know-how e l'esperienza
  • lo spazio in cui l'incertezza, la mancanza e la vulnerabilità sono ridotte al minimo

Comfort Zone

Il termine “Zona di comfort” richiama un’immagine positiva di calma, benessere e agio ma, al tempo stesso, ha una connotazione negativa perché implica :

  • un'immobilità
  • una routine
  • una struttura
  • sciatteria, ecc.

Alcuni chiamano la zona di comfort "gabbia dorata", il che è molto eloquente: può essere la miglior gabbia del mondo, ma resterà sempre la gabbia in cui si è bloccati. Si tratta di quell’universo di conoscenze, affetti e abitudini “noto” in cui riusciamo a muoverci senza prendere rischi.

Come si esce dalla propria zona di comfort?

Uscire dalla propria zona di comfort: definizione

La vita comincia dove finisce la tua zona di comfort.”

Neale Donald Walsch

È l'azione che nasce dalla consapevolezza, dalla decisione di superare i propri blocchi, di spingere i propri limiti, di essere più appagati e più felici.

Una forma di lasciarsi andare.

Lasciare la propria zona di controllo significa entrare in una nuova zona: la zona di apprendimento o di scoperta.

La zona di apprendimento o di scoperta

È qui che si trovano i "rischi di successo".

I suoi benefici:

  • evoluzione delle prestazioni e di te stesso
  • aumenta le tue capacità
  • amplia gradualmente la tua zona di comfort
  • agilità intellettuale
    • creatività,
    • migliore fiducia in se stessi.

Perché uscire dalla propria zona di confort?

per essere felice

per decuplicare il tuo potenziale

per soddisfare il tuo ego

per riguadagnare autostima

per vivere nuove esperienze

per acquisire nuove competenze, nuove conoscenze,

per incontrare nuove persone

per sorprendersi,

per affrontare le tue paure

per uscire dalla noia

per fare la tua fortuna

per resistere all'invecchiamento e mantenere i contatti sociali

per scoprire una passione per te

→per essere vivi in breve!

Questo cartone animato è un ottimo riassunto 😀 :

1) Effettuare una valutazione personale e/o professionale

  • Cosa fai per piacere e per voglia? Per abitudine? Per paura?
  • Dove sei ora? Comfort, apprendimento, panico?
  • La tua zona di comfort è ancora comoda?

Puoi chiedere aiuto a un professionista, ai tuoi amici, alla tua famiglia. Il loro punto di vista, è certamente poco obiettivo quando si tratta dei propri affetti, ma può aiutarvi a prendere coscienza di certi blocchi che non sospettate.

2) Di cosa hai paura?

  • Di come ti giudicherai?
  • Il giudizio degli altri?
  • L'ignoto?

3) Rimanete positivi!

  • Piuttosto che pensare a quello che potreste perdere, cosa potresti guadagnare uscendo dalla routine?
  • Non dubitare del fatto che le persone ti stimano, a volte siamo i peggiori critici di noi stessi.

4) Innovare, osare!

  • Fai regolarmente, una volta al mese, una volta all'anno, qualcosa che non hai mai fatto prima (un ristorante, un viaggio).
  • Affronta i tuoi "fardelli" emotivi, non importa il risultato perchè ti sentirai più leggero.

5) Sii persistente e paziente

“Le cose buone arrivano a chi sa aspettare.”

6) Fai il primo passo

Stai rimandando una richiesta di formazione da un mese all'altro? Una richiesta di aumento? Un'iscrizione in palestra?

Prendi un appuntamento con l'organizzazione che offre la formazione dei vostri desideri, il tuo datore di lavoro, la palestra più vicina. Fase 1: smettere di rimandare ✅

Uscire dalla propria zona di comfort professionale

Spesso si parla di sviluppo personale, ma la zona di comfort è anche quella dello sviluppo professionale.

Questo è un settore in cui si può essere riluttanti ad assumersi rischi semplicemente perché mette a rischio i propri bisogni fondamentali (cfr. Maslow), cioè il bisogno di sicurezza (finanziaria) e di conseguenza i bisogni fisiologici (mangiare e nutrire la propria famiglia).

Naturalmente, secondo il sociologo Jean Viard, oggi si passa in media solo il 12% della propria vita a lavorare (contro il 40% all'inizio del secolo), come risultato di :

  • l'allungamento degli studi,
  • una maggiore longevità,
  • modifiche delle leggi nel tempo (giorni di riposo, durata settimanale).

Questa rimane una parte importante della vita.

La mancanza di passione finisce sempre per portare all'inefficienza, alla demotivazione e persino agli errori, e l'intera azienda ne soffre.

La giornalista, autrice e speaker Anne Cazaubon, dice che in percentuale le raigoni che spingono le persone ad andare a lavoro sono:

  • Il 60% va perché è necessario
  • Il 31% va a forza(di ansia, rabbia)
  • Il 9% ci va con entusiasmo

Perché uscire dalla propria zona di comfort professionale?

  • per sfruttare tutto il tuo potenziale
  • per esperienze più ricche
  • per rimanere motivati, per evitare la routine che porta al disimpegno
  • per dimostrare quanto vali
  • per migliorare la tua capacità di adattamento agli imprevisti e ai fallimenti,
  • per scoprire nuovi talenti che non pensavi di avere,
  • per aprirti a nuove opportunità

6 consigli per dirigenti o manager

  • Cerca nuove vie per fare le cose mettere in discussione ciò che hai sempre fatto, ascolta, applica una dinamica positiva di gestione agile.
  • Il cambiamento, ben pensato e spiegato, può essere una fonte di riconoscimento da parte dei tuoi dipendenti, e migliori risultati.
  • Lo "status quo" non cambia la tua azienda o il tuo reparto, né te né i tuoi dipendenti.
  • Più si resiste al cambiamento, più sarà disabilitante e spaventoso recuperare il ritardo. Le innovazioni tecnologiche e gestionali sono in continua evoluzione. Accettare il cambiamento è la chiave per poter crescere.
  • Fatti aiutare/ consigliare dai tuoi dipendenti che si sentono più a loro agio con le nuove pratiche, chiedete loro aiuto, sarà gratificante per loro, arricchente per voi e porterà a un impegno più forte nei vostri confronti.
  • Se si commette un errore, si analizza e si corregge: questo è un innegabile fattore competitivo. Anche la concorrenza commette errori.

6 consigli per i dipendenti

  • Cambiare le proprie abitudini è fonte di rinnovamento, soddisfazione e una messa in discussione positiva delle proprie aspettative e dei propri desideri.
  • Se tu non cambierai, lo farà qualcun altro. Il nuovo arrvato si farà notare e si fare promuovere al tuo posto.
  • Approfitta dei cambiamenti per imparare, per arricchirti, ti servirà, qui o altrove.
  • Dai un senso alla tua vita professionale: stai sfruttando tutto il tuo potenziale? Sei al tuo posto?
  • Considera il tuo approccio di sviluppo personale in armonia con gli altri, in uno spirito di squadra. Altrimenti ti troverai di fronte a nuovi ostacoli, quelli dei tuoi colleghi.
  • Se commetteti un errore, cerca di capire perchè hai sbagliato, è un processo di apprendimento in sé!

Comunicare, collaborare, esprimersi!

Quando si tratta di collaborazione, l'effetto di gruppo può intimidirti e bloccarti. Eppure, può anche aiutarti a scoprire te stesso e chi ti sta intorno. Ecco alcuni esempi.

  • Le piattaforme collaborative, come i social network aziendali, danno a ciascun dipendente la possibilità di condividere le proprie idee con gli altri. La condivisione della conoscenza va a vantaggio di tutti e valorizza il talento di tutti.Sono anche spazi che favoriscono l'apprendimento sociale, l'apprendimento attraverso gli altri: un buon modo per superare se stessi ed essere più a proprio agio negli scambi professionali.Le piattaforme collaborative e sociali in modalità SaaS includono: Jamespot, Netframe.
  • I software di videoconferenza e i moduli di formazione online (come il Mooc - Massive Open Online Course) hanno aperto una nuova era nell'apprendimento e nello sviluppo personale e professionale (e-learning).
  • L'ICTE (Information and Communication Technologies for Education) permette alle persone di scambiarsi, imparare e condividere attraverso un'interfaccia, online e con gli altri. Si incoraggiano le iniziative e la comunicazione con i dipendenti.
  • Oppure sei un imprenditore autonomo?allora perché non considerare il coworking? Nata dall'esigenza di scambio, permette di creare una rete per evitare l'isolamento e favorire la condivisione.
  • Infine: riconversione professionale. A volte lasciare la propria zona di comfort significa anche riconoscere di aver preso una direzione sbagliata. Il Metodo Ikigai può aiutarvi a trovare il vostro nuovo percorso. 😉

Congratulazioni! Hai fatto la prima mossa!

Di già? Come? Semplicemente leggendo questo articolo. Ora la domanda è: dov'è la tua zona di comfort? Qual è la prima sfida che vuoi prendere? Gooooo!

Selezione software

Kizeo Forms

Kizeo Forms
Utilizza un'unica soluzione e approfitta di molti vantaggi!
Free Trial
Vai alla scheda

Beekast

Beekast
Effective and dynamic meetings
Visita il sito
Vai alla scheda

Webmecanik

Webmecanik
Soluzioni di marketing in Cloud per un marketing relazionale
Visit Website
Vai alla scheda
Commenti sull'articolo

Aggiungi un commento