Pay as you go, modello tariffario da adottare nel cloud computing?

Da Giorgia Frezza
Il 17/02/21
pay-as-you-go

Cos'è il pay as you go? è un modello tariffario vantaggioso non solo per gli utenti, ma anche per gli editori di software?

Nel mondo del cloud computing, anche se l'abbonamento fa tendenza, ci sono altri schemi di pagamento che possono essere applicati: prezzi per storage, prezzi basati sulle caratteristiche, freemium, ecc. E il pay as you go, un modello di prezzi che è ben ancorato nella mente dei consumatori perché già applicato in altri settori, si sta rivelando un'alternativa che viene sempre più considerata.

Ma di cosa si tratta esattamente? Quali sono i vantaggi del pay as you go... ma anche gli svantaggi?

Leggete il nostro articolo per trovare le risposte a queste domande.

Definizione di pay as you go nel cloud computing

Pay as you go: come funziona?

il nome spiega già tutto, dato che pay as you go è la traduzione di "paga solo quando utilizzi".

☝️ Il sistema pay as you go può anche essere trovato sotto i seguenti nomi: "PAYG", "pay per use" o "pay as you use".

Questo sistema di prezzi lo troviamo già quotidianamente, soprattutto nel campo dell'energia e delle telecomunicazioni. Tuttavia, viene sempre più applicato al cloud computing, includendo sia i servizi di hosting di risorse che le offerte di software.

Mentre sono le piattaforme e gli strumenti dedicati alle infrastrutture che hanno sviluppato questo sistema di prezzi, è chiaro che il SaaS (Service as a Software) è interessato al pay as you go.

Il PAYG può assumere due forme diverse:

  • Paga secondo l'uso. L'utente seleziona tutte le opzioni (funzionalità, numero di account, risorse, ecc.) di cui ha bisogno in un determinato periodo.

  • Pay as you go credit-based, chiamato anche modello basato sul credito. Viene pagata in anticipo una certa somma di denaro, che dà diritto a un determinato numero di crediti,. Questi crediti sono addebitati man mano che vengono utilizzati. Questo schema è utilizzato in particolare per certe soluzioni di mailing o SMS marketing.

    ☝️ N.B. il sistema credit-based a volte include un limite di tempo di utilizzo.

Alcuni esempi

Per le SaaS (Software as a Service)

Per i software disponibili in modalità SaaS, i prezzi possono essere calcolati sulla base di :

  • la durata dell'uso,
  • il numero di utenti,
  • del numero di caratteristiche attivate,
  • di crediti :
  • numero di fatture per un software di fatturazione,
  • numero di pubblicazioni per un software per i social media,
  • numero di video elaborati per un software di elaborazione video, ecc.

👉 Esempio: se Mailchimp offre abbonamenti, come molti SaaS, è comunque possibile passare a una formula pay-per-use. L'utente compra il numero di crediti di cui ha bisogno, tenendo conto che ogni invio di email costa un credito.

Per le IaaS (Infrastructure as a service)

Il sistema di prezzi PAYG di IaaS si basa sul consumo effettivo di risorse (capacità di stoccaggio su server, macchine virtuali, ecc.).

👉 Esempio: con la piattaforma di servizi cloud AWS (per Amazon Web Service), gli utenti costruiscono la loro formula selezionando :

  • i loro requisiti di risorse (memoria, processore, archiviazione, ecc.),
  • il loro sistema operativo,
  • controlli di accesso, ecc.

Per PaaS (Platform as a Service)

Le soluzioni PaaS che permettono il pay as you go prendono in considerazione :

  • il numero di applicazioni sviluppate,
  • il numero di utenti,
  • la quantità di memoria consumata, ecc.

👉 Esempio: Microsoft Azure offre un prezzo pay-per-use, e fornisce anche un calcolatore di prezzi sul suo sito. Gli utenti devono solo selezionare le loro opzioni (operazioni, impostazioni del computer virtuale e della macchina virtuale, supporto, ecc.

Vantaggi della PAYG

Vantaggi per gli utenti

👍 prezzo: dipende, ovviamente, dalla configurazione dell'azienda. Ma è abbastanza facile immaginare il vantaggio di pagare solo ciò che viene effettivamente utilizzato. Il pay as you go è quindi perfettamente adatto alle aziende con esigenze fluttuanti, legate a picchi di attività, stagionalità, ecc.

👍 flessibilità: con PAYG, i professionisti hanno la libertà di utilizzare i servizi della soluzione solo quando è necessario, per un'operazione o un progetto particolare per esempio.

👍 scalabilità: il sistema pay as you go accompagna senza problemi la crescita delle organizzazioni. In effetti, per una startup agli inizi, è pratico dotarsi di uno strumento adeguato in termini di prezzi e funzionalità, per poi farlo crescere in parallelo con l'evoluzione e le ambizioni dell'azienda.

Vantaggi per gli editori di software

👍 acquisizione di clienti: la flessibilità del modello pay-as-you-go attira un certo numero di clienti, che a volte sono un po' timidi nell'impegnarsi in una formula basata sull'abbonamento.

👍 vendite aggiuntive: alcuni editori offrono formule ibride, basate su un abbonamento mensile più opzioni aggiuntive (numero di licenze, capacità di archiviazione, numero di contatti nel database, ecc.) Questa configurazione permette di generare entrate supplementari conformandosi a diverse strutture aziendali, pur offrendo un prezzo abbastanza basso da rimanere competitivo.

Svantaggi della PAYG

Svantaggi per gli utenti

Lo schema pay as you go può generare spiacevoli sorprese alla fine del mese, quando si paga il conto (costi più alti del previsto).

Inoltre, a differenza di una formula di abbonamento, non vi permette di anticipare con precisione le vostre spese e il budget da pianificare per le vostre esigenze di software.

Svantaggi per gli editori di software

Costruire la fedeltà dei clienti e garantire entrate ricorrenti diventa più complesso con il modello di business pay as you go.

Risulta anche difficile prevedere le entrate che confluiranno nella cassa, a differenza delle aziende che impiegano un sistema di prezzi basato sull'abbonamento (calcolo del mrr e dell’arr per esempio).

Alla fine, quale modello scegliere?

In breve, non c'è una formula giusta o sbagliata, che tu sia un cliente o un editore di software. Ognuno ha i suoi vantaggi e svantaggi.

👉 Dal lato del cliente, tutto dipende dal bisogno e dall'uso. È un calcolo da fare, prima di optare per questa o quella soluzione.

💡 È comunque possibile iniziare con uno strumento disponibile in pay as you go, per testarlo in particolare. Poi spostarsi verso un abbonamento, a volte più vantaggioso (soprattutto in termini di prezzo) quando le esigenze aumentano con la crescita dell'azienda.

👉 Per gli editori di software, vale lo stesso discorso. Questo è un problema che dovrebbe essere considerato quando si stabilisce una strategia dei prezzi.

💡 Abbiamo visto, tuttavia, con Mailchimp, che c'è la possibilità di rendere disponibili entrambe le opzioni, al fine di beneficiare dei vantaggi di ciascuna.

Inoltre, altri pacchetti di software offrono un abbonamento, al quale si aggiunge un costo aggiuntivo se si supera una certa soglia di servizio. Con Hub Marketing, per esempio, gli utenti regolano il prezzo del loro abbonamento mensile in base al numero di contatti nel loro database.

Un modello ibrido, che offre sia l'abbonamento che il pay as you go, non è l'opzione migliore sia per l'utente che per l'editore? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti.

La trasparenza è un valore fondamentale per Appvizer. Come media company, il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori un contenuto utile e di qualità, che al tempo stesso permetta ad Appvizer di vivere di questo contenuto. Ecco perché ti invitiamo a scoprire il nostro business model.   Per saperne di più
piccolamediaimpresa0
News
4 mesi fa
Le sfide che aspettano la piccola e media impresa
Piccola media impresa: quali tipologie di PMI esistono? Quali caratteristiche contraddistingono il tessuto produttivo italiano? Quali sono gli incentivi previsti a livello europeo e nazionale? Quale sarà l'impatto dell'industria 4.0?
trouver investisseurs
News
anno scorso
10 consigli per cercare investitori
Cercare investitori per avviare il proprio progetto imprenditoriale è fondamentale, ecco 10 consigli per conoscere tutte le possibilità a vostra disposizione
smartworking0
News
anno scorso
Lavoro agile per evitare il contagio del Coronavirus
In questo momento complicato per il nostro paese, è fondamentale trovare delle soluzioni per limitare il contagio causato dal COVID 19. Per i lavoratori, il lavoro agile (o smartworking) può essere una buona idea.
piccolamediaimpresa0
News
4 mesi fa
Le sfide che aspettano la piccola e media impresa
Piccola media impresa: quali tipologie di PMI esistono? Quali caratteristiche contraddistingono il tessuto produttivo italiano? Quali sono gli incentivi previsti a livello europeo e nazionale? Quale sarà l'impatto dell'industria 4.0?
trouver investisseurs
News
anno scorso
10 consigli per cercare investitori
Cercare investitori per avviare il proprio progetto imprenditoriale è fondamentale, ecco 10 consigli per conoscere tutte le possibilità a vostra disposizione
smartworking0
News
anno scorso
Lavoro agile per evitare il contagio del Coronavirus
In questo momento complicato per il nostro paese, è fondamentale trovare delle soluzioni per limitare il contagio causato dal COVID 19. Per i lavoratori, il lavoro agile (o smartworking) può essere una buona idea.